Attualità

Vaccino covid: la Regione convoca tutti gli over-60 che ancora non lo hanno fatto

"Ulteriore strumento di persuasione"

La Regione Piemonte ha dato indicazione alle Asl di competenza di inviare a ciascuno dei 158mila over-60 non ancora vaccinati una lettera a casa, con una prenotazione (data, ora e luogo) per essere vaccinati, specificando che, pur non esistendo un obbligo, la vaccinazione rappresenta uno strumento di prevenzione fondamentale.

Tra gli oltre 1,4 milioni rientranti in questa classe di età, il 90% ha già aderito alla campagna vaccinale e di questi oltre il 95% ha già completato il ciclo con la seconda dose (dove prevista). Dei 158mila che invece ancora non hanno aderito ve ne sono 6mila che hanno contratto il virus negli ultimi sei mesi (sono quindi probabilmente ancora coperti a livello di anticorpi).

Quello della Regione è "un ulteriore tentativo per convincere gli indecisi - si legge in una nota del presidente Alberto Cirio e dell'assessore alla sanità Luigi Icardi -. Che i vaccini funzionino lo confermano i dati sui ricoveri in terapia intensiva che attualmente in Piemonte interessano per il 74% persone non vaccinate. L’iniziativa va ad aggiungersi alle altre che la Regione ha già messo in campo negli ultimi mesi (dagli accessi diretti alla scelta del vaccino) per ampliare il più possibile la platea degli over 60, la più esposta alle forme gravi della malattia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino covid: la Regione convoca tutti gli over-60 che ancora non lo hanno fatto

TorinoToday è in caricamento