Referendum costituzionale, come diventare Presidente di seggio: tutte le info utili

Per la candidatura c'è tempo fino al 17 settembre

Fino a giovedì 17 settembre si raccolgono le domande per poter ricoprire il ruolo di Presidente di seggio elettorale a Torino, per il referendum costituzionale, sulla riduzione del numero di parlamentari, in programma domenica 20 e lunedì 21 settembre.

L'impegno richiesto

Gli aspiranti Presidenti di seggio dovranno essere disponibili la mattina di sabato 19 settembre; dalle ore 7 alle ore 23 di domenica 20 settembre; dalle ore 7 di lunedì 21 settembre per tutta la giornata, comprese le operazioni di scrutinio che avverranno dopo la chiusura dei seggi, a partire dalle ore 15.

Come candidarsi

Possono dichiarare la propria disponibilità elettrici ed elettori del comune di Torino iscritti all'Albo dei Presidenti di seggio: è possibile presentare domanda compilando l'apposito modulo online pubblicato sul portale dei servizi Torino Facile. Il servizio è accessibile tramite le credenziali SPID, TorinoFacile, CIEid, CNS, oppure tramite accesso con codice di verifica inviato tramite sms.

Compensi e seggi speciali

In caso di invio non riuscito, provare ad inoltrare la domanda cambiando il browser. Qualora le comunicazioni di disponibilità siano superiori alle necessità, verranno nominati prioritariamente coloro che hanno già svolto in passato le funzioni di Presidente di seggio oppure di Segretario o Scrutatore. Il compenso per i Presidenti di seggio è di € 130 (€ 79 per i Presidenti di seggio speciale).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il seggio speciale viene costituito, in aggiunta al seggio ordinario, negli istituti di cura con almeno 100 e fino a 199 posti letto, nelle carceri e in quelle strutture ospedaliere in cui sono ricoverati elettrici ed elettori che, a giudizio della direzione sanitaria, non sono in condizione di recarsi alle cabine elettorali per votare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

  • Investito dalla sua auto dopo avere dimenticato di inserire il freno a mano: è grave

  • Elezioni 2020, in 23 comuni del Torinese i cittadini sceglieranno il sindaco e il consiglio comunale

  • La denuncia: "Aggredito dal vigilante del supermercato perché mi sono abbassato la mascherina"

  • Cammina sulle auto parcheggiate, poi si lancia su una e le sfonda il parabrezza: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento