menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al Monumentale di Torino un'area per i defunti delle Chiese Valdesi ed Evangeliche

Uno spazio dedicato nell'ottocentesco cimitero di corso Novara

Un’area riservata alle sepolture dei defunti delle Chiese Valdesi ed Evangeliche del capoluogo piemontese e della sua provincia al Cimitero Monumentale di Torino. E’ quanto definito in una convenzione firmata nei giorni scorsi dalla Città e dal Concistoro della Chiesa Valdese di Torino che destinerà uno spazio dell‘ottocentesco cimitero di corso Novara all’esclusiva inumazione di feretri e urne cinerarie che appartengono o si riconoscono nei principi di queste confessioni.

Un'area di 1800 metri quadrati

La stessa area di circa mille e ottocento metri quadrati, potrà ospitare anche le spoglie di persone già sepolte in altri cimiteri cittadini, che siano state riesumate trascorsi i termini temporali dalla prima inumazione. 

“Da alcuni anni – ricorda l’assessore comunale con delega ai servizi cimiteriali, Marco Giusta – è consentita l’istituzione nei cimiteri torinesi di aree speciali per la sepoltura di defunti di fedi anche diverse da quella cattolica. Lo ritengo un segno di sensibilità, di attenzione e di giustizia verso ogni membro della comunità cittadina poiché – sottolinea l’assessore Giusta -  ogni persona ha il diritto di rendere l’ultimo saluto ai propri cari, di poterne conservare il ricordo e celebrare i momenti di commemorazione in una forma che, per quanto possibile, possa essere rispettosa dei diversi credo religiosi, delle varie culture, delle tradizioni e dei personali sentimenti”.


“La convenzione con la città di Torino - evidenzia Patrizia Mathieu, presidente della Chiesa Evangelica Valdese di Torino - è un atto importante che sancisce ancora una volta la volontà della Città di essere plurale, di interrogarsi su temi sui quali la tradizione ha spesso il sopravvento. Riconoscere alla chiesa valdese il diritto di decidere in merito agli arredi funerari e all'aspetto che andrà prendendo il campo, nell'intento di rendere evidente ai visitatori e alle visitatrici il pensiero che hanno gli evangelici e i protestanti nei confronti della morte e della memoria dei defunti è riconoscere la diversità delle fedi religiose".

"L'inizio di un progetto"

"Certo, la cura dei cimiteri non è tra gli obiettivi principali della chiesa valdese - continua -, che come chiesa cristiana protestante si deve occupare della vita, dei bisogni, dei problemi delle persone viventi, il tema però della memoria delle persone che ci hanno precedute, della attesa di vivi e morti del ritorno del Signore, come affermato nel Credo, è presente anche nel rispetto e nella cura che dovremmo porre nel progettare i cimiteri, non deposito di corpi da smaltire, ma luogo di pace e di attesa escatologica. Dopo una lungo e articolato e proficuo confronto con la Città, i suoi funzionari e l'assessore competente che hanno riconosciuto le posizioni della chiesa valdese, si è giunti alla firma che – conclude Patrizia Mathieu - più che chiudere la vicenda è l'inizio di un progetto, per molti versi innovativo che ci vedrà ancora coinvolti nel dialogo con la Città”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento