menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Castello di Moncalieri chiude al pubblico: era rimasto un solo dipendente

Aveva riaperto nel novembre 2017 dopo nove anni in seguito all'incendio

A poco più di un anno dalla sua riapertura al pubblico, il Castello di Moncalieri chiude di nuovo. La causa? Manca il personale. Già perchè a gestire l'apertura era rimasto un solo dipendente e il Polo Museale che gestisce il Castello, sebbene abbia chiesto un rinforzo dell'organico al Ministero, al momento non ha ricevuto risposta, dunque il complesso resterà chiuso.

Non sono bastati dunque i ventimila ingressi registrati in un anno, con un'apertura limitata a soli 12 giorni al mese, a convincere il Ministero ad agire per tempo. La riapertura del complesso, il 9 novembre 2017, dopo una chiusura di nove anni in seguito a un incendio, era stata fin da subito un successo.

"È una vergogna - commenta su Facebook il sindaco di Moncalieri, Paolo Montagna -. In generale non si può accettare, come ci dice l’architetto Ivaldi, che un bene Patrimonio dell’Umanità, restaurato da un anno, venga chiuso perché manca un custode. Ma in che Paese viviamo?". E parla del tesoro Unesco per la cui ristrutturazione sono stati spesi oltre 4 milioni di euro, per il quale il comune ha investito 70mila euro e per cui sta continuando a investire, al fine di valorizzare il Parco e restituirlo ai cittadini.

"A fine 2018 - spiega il primo cittadino - ho scritto una lettera al Ministero dei Beni Culturali. In questa lettera offrivo l’assoluta disponibilità del Comune di Moncalieri a firmare immediatamente un accordo con il Ministero che consentisse di aprire il Castello, offrendo capacità progettuali e finanche risorse umane ed economiche. Per supplire alle carenze di altri. Non abbiamo ricevuto risposta. Però andiamo avanti lo stesso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento