menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il castello di Casalborgone tra le cento dimore storiche Rotary d'Italia

Accoglierà gli eventi del prestigioso club internazionale nato negli Usa

Il castello di Casalborgone, in provincia di Torino, verrà incluso tra le cento dimore Rotary d’Italia. Si tratta di un'iniziativa promossa da Assocastelli per accogliere gli eventi del Rotary - prestigioso club internazionale nato negli Stati Uniti - nelle dimore del patrimonio architettonico d’epoca e storico d’Italia. Una scelta che è stata confermata in occasione della visita al castello del barone Ivan Drogo Inglese, presidente di Assocastelli e Assopatrimonio. Drogo Inglese era accompagnato da Dario Savarino, presidente di Assocastelli Torino. Ad accoglierli anche il sindaco Francesco Cavallero oltre allo staff della struttura: il manager Paul Kearney, Andrea Canale Canova e Igor Andreotti.

La storia

Il castello, nei secoli passati, fu  ceduto dalla famiglia Savoia ai Broglia per estinguere un debito. Rimase di proprietà dei Broglia a lungo e passò ai Morozzo della Rocca per matrimonio. L’ultimo conte di Casalborgone è stato Ferdinando Morozzo della Rocca che dapprima rimase vedovo della moglie Elsa Crespi (zia di Giulia Maria Crespi, fondatrice del Fai recentemente scomparsa) e poi morì negli anni ’60 senza eredi.

La rinascita

Il castello è rimasto in stato di abbandono per quasi cinquant’anni e poi la rinascita, grazie a Gary Douglas di Houston (Texas), un ex immobiliarista di successo diventato in seguito uno dei più celebri formatori internazionali. Douglas arrivò a Casalborgone, si innamorò del castello, lo acquistò e, successivamente, nelle aste americane di antiquariato acquistò centinaia tra arredi, dipinti e tappeti che riportarono la dimora agli antichi fasti. Operazione che portò a termine aiutato da Emanuela Siani, una tra le più importanti decoratrici.

Oggi la dimora è stata trasformata una residenza per facoltosi ospiti internazionali che hanno a disposizione dieci suites extralusso, una biblioteca, ampi saloni e la disponibilità dello chef Simone Perdomo. Il castello è incluso nelle dimore acquistate da investitori americani che verranno presentate entro l’anno all’ambasciatore degli Stati Uniti in Italia Lewis Eisemberg.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento