menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L’area individuata per la realizzazione del nuovo plesso scolastico è in prossimità dell’incrocio tra la Strada Provinciale 199, viale Kennedy e via Torino

L’area individuata per la realizzazione del nuovo plesso scolastico è in prossimità dell’incrocio tra la Strada Provinciale 199, viale Kennedy e via Torino

Pronto il progetto del nuovo polo scolastico di Caprie: i dettagli

Per la scuola primaria e la scuola per l’infanzia

È pronta la revisione del progetto preliminare del nuovo polo scolastico di Caprie, curata dai tecnici della Direzione Azioni integrate con gli Enti locali della Città Metropolitana di Torino su richiesta dell’amministrazione comunale. Un primo progetto di fattibilità tecnica era stato redatto nel 2014 dagli uffici dell’allora Provincia e il Comune ne ha chiesto una rivisitazione che tenesse conto delle mutate esigenze dell’utenza scolastica (in dimunuzione).

Il progetto: spazi e costi

Il progetto redatto nel corso del 2020 contempla la riduzione del numero delle sezioni e delle aule, passate da sette a cinque classi per la scuola primaria e da tre a due sezioni per la scuola dell’infanzia, riducendo di conseguenza gli spazi a disposizione per le varie attività connesse; il tutto in considerazione di una stima al ribasso della popolazione scolastica nei prossimi anni. La stima del costo complessivo dell’opera è di 6 milioni e 819.000 euro, di cui 2 milioni e 69.000 euro di somme a disposizione e di 4 milioni e 750.000 di importo totale dei lavori. L’amministrazione comunale ha richiesto che, in caso di un eventuale aumento del numero di iscrizioni, il progetto consenta comunque un ampliamento del plesso scolastico, per ritornare ai numeri originariamente stimati. Ecco perché gli spazi adibiti a mensa e cucina sono già adeguati rispetto ad un eventuale incremento della popolazione scolastica. La richiesta di revisione del progetto ha riguardato la possibilità di suddividere in stralci funzionali l’opera, ipotizzando il primo lotto per la realizzazione della scuola primaria e un secondo lotto per la scuola per l’infanzia.

Città metropolitana: “Le scuole al centro di un civic center”

Secondo quanto diffuso dalla Città metropolitana di Torino, il Comune di Caprie sta perfezionando un accordo per l’acquisizione dell’intera area, attualmente di proprietà privata, su cui saranno realizzati una serie di servizi per la collettività, tra i quali il nuovo complesso scolastico. Rispetto al progetto iniziale, l’estensione del complesso sarà più ampia, con la possibilità di collocare la scuola in una posizione più centrale e di realizzare in futuro una palestra ad uso scolastico. L’area individuata per la realizzazione del nuovo plesso scolastico è in prossimità dell’incrocio tra la Strada Provinciale 199, viale Kennedy e via Torino, nei pressi del palazzo comunale; è stata individuata da un precedente studio di fattibilità e potrà diventare un elemento di connessione del tessuto urbano, una sorta di “civic center”. L’area ha forma triangolare e, in prossimità dell’incrocio, è prevalentemente alberata. È presente un canale di derivazione dal torrente Sessi per scopi irrigui. Il terreno si presenta falsamente pianeggiante ed è localizzato in un contesto urbanizzato, prevalentemente residenziale, a margine della zona agricola.
Il complesso scolastico delineato nel progetto si articola su due piani fuori terra per la scuola primaria, mentre la scuola d’infanzia si svilupperà esclusivamente al piano terra. Non sono previsti piani seminterrati o interrati abitabili.
Il Comune di Caprie ha affidato ad un’archeologa l’incarico di redigere una relazione sulla verifica preventiva dell’interesse archeologico dell’area interessata dai lavori e trasmetterla alla Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Torino, per la valutazione del rischio archeologico. La Soprintendenza ha richiesto e successivamente approvato un piano dei sondaggi per gli approfondimenti da effettuare in loco. A fine giugno del 2020 sono iniziati gli scavi finalizzati ai sondaggi. Sono stati rinvenuti resti di muri, di cui uno verosimilmente appartenente alla chiesa medioevale di Caprie, mentre altri tre, antecedenti, potrebbero far parte della linea di fortificazione delle Chiuse, che collegava i monti Caprasio e Pirchiriano. I rinvenimenti archeologici non interferiscono con la posizione del fabbricato. A conclusione dei sondaggi, la Soprintendenza ha comunque prescritto che, nel corso delle successive fasi progettuali, l’indagine archeologica dovrà esser estesa a tutta l’area interessata dai rinvenimenti, per chiarire l’estensione, lo stato di conservazione e la natura delle strutture rinvenute, nonché di eventuali depositi stratigrafici ancora conservati. Collegata a queste prescrizioni è quindi la scelta di spostare a sud il parcheggio interno all’area scolastica, per non interferire con le attività archeologiche.

Soluzioni tecniche basate sulle esigenze della comunità scolastica  

Per la stesura del progetto di fattibilità tecnica ed economica sono state prese in considerazione le principali esigenze e gli obiettivi indicati dall’amministrazione comunale. Il nuovo complesso deve prevedere una continuità tra i due ordini scolastici, con la possibilità di condividere spazi comuni. Il progetto ha dunque tenuto in considerazione le sinergie e i risparmi anche di carattere logistico, ma anche i vantaggi per le famiglie che derivano dalla vicinanza delle due scuole. Il Comune ha indicato l’obiettivo di assicurare ai due ordini di scuola spazi sicuri, adeguati alle normative, flessibili e adatti alle attuali esigenze didattiche. L’obiettivo di progettare un edificio scolastico sostenibile dal punto di vista ambientale è stato perseguito puntando sull’efficienza energetica, l’impiego di materiali naturali e di energie rinnovabili, la realizzazione di ambienti il più possibile confortevoli. Si sono quindi valutati la posizione degli edifici, il soleggiamento, l’esposizione, l’acustica, l’illuminazione naturale e/o artificiale, il comfort termico e il risparmio energetico.
La proposta progettuale sviluppa alcuni presupposti: l’individuazione di ambiti con funzioni specifiche, la versatilità e condivisione di luoghi e ambienti, la previsione di spazi a misura di studente, una serie di scelte architettoniche bio-climatiche, la ricerca dell’efficienza energetica, l’accessibilità alle persone diversamente abili, il comfort e la sicurezza degli ambienti.
Gli spazi previsti per la scuola dell’infanzia consistono in due nuclei, costituiti ciascuno dall’aula per le attività ordinate a tavolino e le attività speciali, dal locale spogliatoio e dai servizi igienici. Sono previsti un salone per le attività libere e i giochi collettivi, il locale per il riposo, il locale per i docenti con i servizi igienici, lo spogliatoio per gli assistenti con i servizi igienici, il deposito e una piccola lavanderia, l’infermeria, i servizi igienici, di cui uno adeguato per i diversamente abili, il deposito e ripostiglio del materiale per le pulizie. 
Gli spazi previsti per la scuola primaria al piano terra sono l’atrio-ingresso, due aule per attività didattiche normali, un laboratorio per attività interciclo, un locale per le attività integrative e parascolastiche (palestrina), lo spogliatoio per il personale e infermeria, i servizi igienici maschili, femminili, per i diversamente abili e per gli insegnanti, i locali tecnici e il ripostiglio del materiale per le pulizie. Al primo piano sono previste tre aule per attività didattiche normali, un laboratorio per attività interciclo, l’aula insegnanti e biblioteca, lo spogliatoio per il personale con servizi igienici, i servizi igienici, il locale tecnico e ripostiglio del materiale per le pulizie.
Gli spazi adibiti a mensa-refettorio, comuni a tutte e due le scuole, sono previsti all’interno dello stesso blocco collegato internamente e accessibile indipendentemente, dimensionato anche in funzione dei possibili ampliamenti futuri. Del blocco fanno parte la sala refettorio con lavabi, il locale per la preparazione e porzionamento dei pasti, la dispensa per le derrate alimentari, lo spogliatoio con servizi igienici per il personale addetto alla cucina, una zona vicino all’ingresso al refettorio, antistante al locale attività collettive, corredata di lavabi. L’attività ginnica e sportiva si svolgerà nella sala per le attività collettive, opportunamente attrezzata.

Riorganizzazione degli spazi esterni alla scuola

L’intervento interesserà una superficie di 8.940 metri quadrati ad utilizzo scolastico. Altri 1.120 metri quadrati saranno adibiti a parcheggio esterno al plesso scolastico di utilizzo esclusivo, marciapiedi, pista ciclabile, fermata dello scuolabus e ingresso pedonale al plesso da via Torino, arretrato rispetto al filo stradale.
Per raggiungere il plesso scolastico dovrà essere previsto un sistema organizzato di marciapiedi, che consentiranno ai pedoni provenienti sia dal centro del paese che dalla zona di più recente espansione urbanistica di usufruire di percorsi pedonali sicuri. È previsto il prolungamento dell’attuale pista ciclabile, che percorre il tratto di viale Kennedy e arriverà fino all’ingresso principale. L’area in prossimità dell’incrocio fra via Torino e viale Kennedy verrà sistemata - anche con la copertura della bealera di derivazione irrigua proveniente da nord dal torrente Sessi - per creare un parcheggio ad uso esclusivo del plesso scolastico come zona di carico e scarico e sosta temporanea, con un percorso protetto fino all’ingresso. Su via Torino è previsto uno spazio di sosta per gli scuolabus, che non richiede attraversamenti e non prevede situazioni di conflitto con i percorsi automobilistici.
Il nuovo progetto propone infine all’amministrazione comunale di creare, in corrispondenza dell’accesso su via Torino, una Zona 30 in prossimità dell’incrocio a monte e provenendo da sud. Nel tratto delimitato si potrebbero prevedere attraversamenti pedonali rialzati ed elementi di arredo urbano che contribuiscano alla sicurezza. Per la sistemazione di via Torino a sud del complesso scolastico si potranno prevedere arretramenti per la realizzazione di marciapiedi, piste ciclabili e parcheggi utili per raggiungere il plesso scolastico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento