rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Attualità Nizza Millefonti / Piazza Carlo Giacomini

"Torino fa scuola", il progetto che darà un volto nuovo alle scuole Fermi e Pascoli

Il cantiere è già stato avviato

E' partito il cantiere di "Torino fa scuola", il progetto promosso e sostenuto da Fondazione Agnelli e Compagnia di San Paolo, in collaborazione con la Città di Torino e Fondazione per la Scuola. Si tratta dei lavori di riqualificazione delle scuole medie Enrico Fermi, in piazza Giacomini, e Giovanni Pascoli in via Duchessa Jolanda: un progetto che restituirà ai bambini torinesi e alle loro famiglie, edifici scolastici più belli, accoglienti, sostenibili e moderni. L'accordo per dare il via a "Torino fa scuola" era stato firmato nel 2016 con il sindaco di allora, Piero Fassino e un anno fa sono stati scelti i due progetti vincitori del concorso indetto appositamente, a cura di diversi team di giovani architetti. Il piano di restyling della scuola Fermi è stato messo a punto dallo studio torinese BDR Bureau e ingegnerizzato dallo studio Sintecna mentre quello della Pascoli è stato curato da Archisbang e Area Progetti. A maggio del 2019 i cantieri saranno chiusi. 

Sinergia tra le parti

"Questo è un progetto di cui la città di Torino deve essere orgogliosa - ha detto la sindaca Appendino - perchè darà vita a spazi educativi che potranno costituire un esempio a livello nazionale per l'innovazione didattica. Inoltre questa è stata un'importante occasione per creare una bella e fondamentale partnership tra pubblico e privato". Una sinergia che ha sottolineato anche John Elkann, presidente della Fondazione Agnelli: "Ancora una volta Torino è passata dalle parole ai fatti, grazie anche a una forte collaborazione tra le parti. Alla conclusione dei lavori - ha concluso -, avremo a Torino, per i nostri bambini, scuole innovative, moderne e sostenibili e speriamo che anche altrove possano ispirarsi a questo progetto".

L'educazione come investimento

Il presidente di Compagnia di San Paolo, Francesco Profumo, ha invece messo l'accento sull'importanza, nel presente, di investire nella scuola: "Nel paese dei ritardi e delle incompiute - sottolinea - Torino ancora una volta riesce a fare la differenza e fra un anno ci ritroveremo tutti qui per andare a vedere le nuove scuole. Spesso - aggiunge - la comunità della scuola è un po' bistrattata ma è attraverso la scuola che si costruisce il futuro. L'educazione è il principale investimento di un paese e coinvolge tutta la cittadinanza". 


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Torino fa scuola", il progetto che darà un volto nuovo alle scuole Fermi e Pascoli

TorinoToday è in caricamento