Attualità

Eurovision 2022, Torino si candida ufficialmente ed è tra le città favorite

Con la recente vittoria dei Maneskin, la prossima edizione del contest sarà in Italia

I Maneskin vincitori nel 2021 a Rotterdam

Torino, Napoli e Roma sono le città favorite per ospitare nel 2022 l'Eurovision Song Contest. Aperte dunque le candidature per le quali c'è tempo fino alla mezzanotte del 12 luglio e Torino non ha perso tempo.

Al via la candidatura ufficiale 

La città, rispondendo all’annuncio RAI relativo alla manifestazione di interesse per ospitare la kermesse canora -   ha comunicato all’emittente radiotelevisiva pubblica la propria candidatura a sede della manifestazione continentale che il prossimo anno. Com'é noto toccherà all'Italia ospitarla in seguito alla recente vittoria del gruppo Maneskin nell’edizione 2021. 

" La  Città  di  Torino  dispone  di  tutti  requisiti  richiesti - scrive nella lettera la sindaca Chiara Appendino - ed  è  dotata  di  una  location  particolarmente adatta  e  funzionale  ad  accogliere  l’iniziativa,  situata  sul  territorio  cittadino  nelle  immediate vicinanze  del  centro. Il  Consiglio  Comunale  ha  inoltre  già  espresso  all’unanimità  il  proprio  convinto  sostegno  alla candidatura  della  Città  ad  ospitare  l’Eurovision  Song  Contest  2022 ".

Le condizioni per vincere 

Per ospitare la manifestazione, il team Eurovision ha imposto alcune condizioni. Intanto una capacità alberghiera di oltre 2000 stanze, un palazzetto dalla capienza di fino 10mila persone, un aeroporto internazionale a non oltre un'ora e mezzo di distanza e ancora un' altezza di circa 18 metri per l'allestimento del palco.

Il luogo prescelto diventerà una esclusiva dell'Eurovision a partire da sei settimane prima dell'inizio dello show e resterà tale per le operazioni di smontaggio nella settimana successiva. Da non dimenticare poi gli spazi necessari alle esigenze produttive e una sala stampa per circa 1000 giornalisti; le aree per gli artisti, i camerini, uffici per il personale, bagni e punti vendita di generi di conforto.

"Una città con le carte in regola" 

"La nostra Città ha tutte le carte in regola e riteniamo sia la migliore opzione in campo su cui far ricadere la scelta - ha commentato sui social Appendino - Abbiamo spazi con capienze adatte, in pieno territorio cittadino e facilmente raggiungibili. Per ciò che riguarda l'ospitalità, la nostra offerta ricettiva è in grado di accogliere le migliaia di persone che l'evento saprà attrarre".

E ancora: "Ma - tra gli altri - c'è un altro punto fondamentale che dovrebbe portare a scegliere Torino: saremo già un collaudato palcoscenico di appuntamenti internazionali che abbiamo portato qui in questi anni, in grado di mettere le competenze di un'intera Città al servizio dell'Eurovision. Non solo. Anche grazie a questi eventi Torino è recentemente diventata hub Ryanair, garantendo ancora più collegamenti aerei tra Torino e il resto del mondo. Siamo pronti e siamo determinati - ha concluso - . Come sempre, ce la metteremo tutta per portare a Torino l'Eurovision e lasciare ai cittadini anche questa eredità"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eurovision 2022, Torino si candida ufficialmente ed è tra le città favorite

TorinoToday è in caricamento