"E se fosse tuo figlio?": campagna choc per la sicurezza dei ciclisti in strada

I manifesti da oggi sui muri della Città

Un morto ogni 35 ore: è questo il tragico bollettino dei ciclisti deceduti sulle strade italiane, comunali ed extracomunali. La Città di Nichelino riparte con la campagna dedicata alla viabilità sicura che si era interrotta con il lockdown. Si comincia dalla sensibilizzazione sulla sicurezza di chi viaggia in bicicletta e si insiste sulla distanza minima che deve esserci fra auto e cilista. "E se fosse tuo figlio? Rispetta la distanza di sicurezza, rispetta la vita" si legge sui manifesti che da oggi si possono vedere in giro per la Città, sotto l'immagine choc di un giovane ciclista riverso a terra, sulle strisce, appena investito da un veicolo.

"Riprendiamo la campagna sulle strade sicure - dicono il sindaco della Città di #Nichelino Giampiero Tolardo e l'assessore alla viabilità Antimo De Ruosi - Tramite i manifesti che saranno appesi da domani sui muri della Città, intendiamo sensibilizzare i cittadini a mantenere comportamenti corretti quando sono al volante e incontrano un ciclista. Ad esempio, va sempre rispettata la distanza minima di un metro e mezzo. Insieme possiamo lavorare per porre fine a quella che appare sempre di più come una vera e propria strage: una mattanza che ogni giorno insanguina le strade d'Italia".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Piemonte verso la zona gialla e le regole per le festività natalizie: riepilogo

  • Tragedia in ospedale a Torino: paziente si uccide gettandosi dal quarto piano

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Torino, da due anni viveva alla fermata del tram assieme ai suoi cinque cani: la municipale la salva

Torna su
TorinoToday è in caricamento