Una ricerca torinese salva il caffè: se ne possono bere fino a cinque tazzine al giorno

Lo dicono i cardiologi

Buone notizie per i "caffeinomani". Dallo studio condotto da Sebastiano Marra, direttore del dipartimento cardiovascolare del Maria Pia Hospital di Torino e co-presidente delle Giornate Cardiologiche che si sono appena svolte in città, emerge bere fino a cinque tazzine di caffè al giorno non fa male. Risultati che sono stati estrapolati da un'indagine che ha coinvolto 13mila pazienti, uomini e donne di ogni età, provenienti da varie città italiane, e che è durata 8 anni. La ricerca dice che l’80-85% della popolazione consuma caffè e la quantità media è di due tazze al giorno sebbene in alcuni casi si arrivi a 5 tazzine quotidiane.

Uno studio che il dottor Marra ha deciso di intraprendere in seguito all'uscita di due indagini, una americana e una europea. E ciò che emerge dall'indagine di Marra è stupefacente: il quadro rileva che i maggiori consumatori di caffè sono sorprendentemente meno ansiosi rispetto a chi non ne beve proprio e hanno meno problemi di insonnia, di affanno e altri sintomi fastidiosi quali la tachicardia, la mancanza di fiato e la stanchezza. Il segreto sarebbe racchiuso nel chicco che in natura, secondo Marra è "il prodotto con maggior percentuale di sostanze antiossidanti". 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento