Giovedì, 18 Luglio 2024
Attualità Cesana Torinese

Addio Olimpiadi 2026. Il Cio "boccia" l'ipotesi Cesana Torinese: "solo piste già pronte e operative"

Ricca: “Il Cio sbaglia, il bob di Cesana soluzione rispettosa del sistema italiano”

La notizia sta circolando da qualche ora: il Cio, il Comitato Olimpico Internazionale, ha "bocciato" l'ipotesi di trasferire le gare di bob in quel di Cesana.

Oggi, venerdì 3 novembre 2023, lo stesso Cio ha spiegato all'Adnkronos come la decisione sia "in linea con le raccomandazioni dell'Agenda Olimpica 2020", ovvero sul fatto che "non dovrebbe essere costruita una sede permanente se non c'è un piano di legacy chiaro e sostenibile. Questa posizione è applicabile anche per Cesana, per la quale la mancanza di opportunità di eredità in passato ha già portato all'abbandono della pista realizzata per le Olimpiadi di Torino 2006".

Inoltre il Cio ha chiarito come il numero complessivo di impianti di bob, skeleton e slittino sia "sufficiente per l'attuale numero di atleti e competizioni sportive". E, ancora, come "debbano essere prese in considerazione solo le piste esistenzi e già operative a causa dei tempi molto stretti".

Le gare, sempre secondo l'Adnkronos, dovrebbero essere ospitate o da Saint Moritz o da Igls.

Ricca: “Il Cio sbaglia, il bob di Cesana soluzione rispettosa del sistema italiano”

Non la pensa allo stesso modo l'assessore allo Sport regionale, Fabrizio Ricca: "La posizione del Cio, a mio parere, è sbagliata. L’impianto del bob di Cesana avrebbe davanti a se un futuro certo se si decidesse di utilizzarlo per le Olimpiadi. Lo abbiamo spiegato con un dossier dettagliato, lo diciamo da mesi. L’opzione piemontese è la sola che garantirebbe l’integrità di giochi che nascono per essere giochi italiani e invece, optando per impianti esteri, snaturerebbero la loro stessa natura”.

Russi (M5S): "Grave accusa Cio per la gestione post olimpica"

Critico il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Andrea Russi: "Il Cio ha gavemente accusato la gestione post olimpica, mettendo nero su bianco in un comunicato di poche righe il fallimento delle amministrazioni regionali che si sono succedute (Ghigo, Bresso e Cota), di quelle provinciali (Saitta) e del Toroc presieduto da Valentino Castellani che non hanno ben gestito l'eredità olimpica. La pista da Bob di Cesana, i trampolini di Pragelato, l'ex Moi di Torino sono errori che non si devono ripetere. Ora dovrebbero averlo capito anche Cirio e Lo Russo".

Continua a leggere TorinoToday, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al canale TorinoToday su WhatsApp

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio Olimpiadi 2026. Il Cio "boccia" l'ipotesi Cesana Torinese: "solo piste già pronte e operative"
TorinoToday è in caricamento