Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bardonecchia riparte dopo il disastro, la sindaca: "Venite, siamo pronti ad accogliervi"

Il 17 agosto sopralluogo del vicesindaco metropolitano Jacopo Suppo che ha monitorato l'avanzamento dei lavori

"Venite a Bardonecchia che siamo pronti ad accogliervi", a dirlo in un video della Città Metropolitana è la sindaca Chiara Rossetti. A distanza di una settimana dalla drammatica serata del 13 agosto Bardonecchia sta ripartendo. "L'area è molto circostanziata, per il resto abbiamo alberghi e attività commerciali aperte, è ripresa la stagione culturale: Bardonecchia è nella sua normalità e speriamo si riesca a finire quanto prima", ha concluso la prima cittadina.

Intanto il 17 agosto il vicesindaco metropolitano Jacopo Suppo ha effettuato un sopralluogo per monitorare lo stato di avanzamento dei lavori per rimuovere il materiale detritico e ripristinare la viabilità. La colata di acqua, fango, pietre e detriti ha infatti causato l'esondazione del rio Frejus nel centro abitato di Bardonecchia, causando l'interruzione della strada provinciale 216 del Melezet all'altezza della rotonda dove si trova la Polizia di Stato: la Viabilità metropolitana è intervenuta subito e in questi giorni sta lavorando per il ripristino e la pulizia della sede stradale, dell'alveo e per restituire la funzionalità idraulica ai corsi d'acqua nell'attraversamento dei ponti.

"C'è una quantità di detriti da rimuovere davvero impressionante" spiega Suppo, "ma in questa prima fase le risorse messe in campo da Città metropolitana, dal Comune, dalla Regione, dalle Forze dell'ordine e dal volontariato sono sufficienti dare una pronta risposta di ripartenza ai cittadini di Bardonecchia e ai tanti turisti che stanno passando qui la villeggiatura".

"Siamo di fronte a un evento estremo e inaspettato nella sua forza, purtroppo sempre più frequenti sul nostro territorio e particolarmente critico nelle aree montane che sono più fragili. Di qui la necessità di lavorare insieme fra istituzioni per assicurare la massima manutenzione del territorio", ha concluso il vicesindaco metropolitano. 

Per chi avesse subito danni

Per chi avesse necessità di presentare la segnalazione dei danni subiti, a causa dell'esondazione del torrente Frejus del 13 agosto scorso, è possibile farlo anche presso il Palazzo delle Feste,  dove è presente un'apposita postazione dei Carabinieri, con orario dalle 8.30 alle 13. In caso di difficoltà di mobilità, si può chiamare il numero  0122/99032, per organizzare un appuntamento presso il proprio domicilio per fare la segnalazione danno, che sarà raccolta da una pattuglia dell'Arma.

Video popolari

TorinoToday è in caricamento