Ultimo Impero, la discoteca abbandonata messa all'asta

Fu la meta preferita dei nottambuli negli anni 90

È stata messa in vendita all'asta la discoteca Ultimo Impero di Airasca, una delle mete preferite dai nottambuli negli anni 90. Offerta minima presentabile 315mila euro, valore di perizia oltre i 4 milioni di euro: un risparmio del 92% per chi è interessato all'affare. Al momento però ancora nessuno si è interessato all'acquisto, molto probabilmente a causa dei costosi lavori di ristrutturazione necessari a rimettere in sesto il locale, senza contare quelli di mantenimento. 

La discoteca più grande d'Europa

L'Ultimo Impero era la discoteca più grande d'Europa, in grado di ospitare 8mila persone: con 7 piste da ballo, 9 bar, un'area interna da 7mila metri quadrati e una esterna da 12mila, era caratterizzata da una scenografia che comprendeva 7 fontane e due cascate. Tra le sue mura si sono esibiti famosi dj e da qui alcuni hanno dato il via alla loro carriera. Tra questi anche Gigi D'Agostino, Francesco Zappalà e Mauro Picotto. 

Il declino

Il suo successo declinò improvvisamente nel 1996 quando durante una retata di polizia, furono sequestrati ingenti quantità di droga e biglietti contraffatti. Cambiò nome varie volte: fu Privilege, Templares e Royal Fashion Club ma non raggiunse più i vecchi fasti. L'ultimo eventi risale al 2010 dopodiché l'ex glorioso Ultimo Impero dichiarò fallimento.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • Dramma nella notte: uomo travolto e ucciso da un'auto pirata

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Cibo mal conservato e lavoratori "in nero": ristorante chiuso e multato per 39mila euro

Torna su
TorinoToday è in caricamento