Domenica, 20 Giugno 2021
Attualità

Aveva una doppia vita: dopo la morte nell'incidente, l'assicurazione risarcirà la moglie e l'amante

"Anche con 'l'altra' avevano progetti di vita insieme"

Immagine di repertorio

L'assicurazione risarcisce sia la moglie sia l'amante di un torinese morto in un incidente stradale nel Cuneese nell'autunno 2020. È una vicenda che ricorda vagamente il film 'Le fate ignoranti' di Ferzan Ozpetek quella avvenuta nel capoluogo piemontese in questi giorni, a maggio 2021. Grazie alla mediazione dell'avvocato Gino Arnone la compagnia assicurativa ha riconosciuto gli stessi diritti della coniuge anche alla donna che l'uomo frequentava da lungo tempo, come se avesse una doppia vita.

Prima della morte dell'uomo, le due donne (la prima abita fuori città, la seconda in città) non si erano mai incontrate. "Nessuno - spiega l'avvocato Arnone - avrebbe potuto negare la legittimazione ad agire a quella donna che si era qualifica come 'fidanzata della vittima' e con cui, di fatto l'uomo viveva tre giorni su sette, dedicando gli altri quattro all'altra famiglia. Lei stessa è riuscita a dimostrare che con quell'uomo aveva un'aspettativa di vita insieme, con tanto di progetti per il futuro, esattamente come per la consorte legittima. Ha dimostrato che c'era la stessa intensità di affetti e anche una convivenza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aveva una doppia vita: dopo la morte nell'incidente, l'assicurazione risarcirà la moglie e l'amante

TorinoToday è in caricamento