menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Città prepara le arene cinematografiche per i mesi estivi dei torinesi

Nei prossimi giorni online, l'avviso pubblico per la ricerca e selezione di progettualità

Torino ospiterà quest'estate sul suo territorio grandi e piccole arene cinematografiche. Dal 24 giugno al 30 settembre verranno realizzate nelle zone all'aperto più idonee, ad esclusione delle piazze auliche. La conferma arriva dalla Giunta Comunale che, su proposta dell'assessora Francesca Leon, ha approvato uno schema di avviso pubblico per la ricerca e selezione di progettualità.  Tutte le indicazioni verranno pubblicate nei prossimi giorni sul sito della Città di Torino.

La città intende quindi ripartire in estate con un ricco calendario di eventi culturali, nel rispetto dei decreti ministeriali in cui rientra la realizzazione di arene cinematografiche che, per la loro peculiarità, permettono di conciliare le esigenze di tutela della salute con il desiderio di un ritorno alla normalità, oltre a offrire l'occasione di fruire di iniziative culturali in spazi all'aperto.

Le Grandi arene dovranno avere un numero di posti non inferiore a 200, almeno 5 proiezioni settimanali, un numero di giornate effettive di programmazione anche non consecutive non inferiori a 30, un elevato standard qualitativo e l'accesso con biglietto o gratuito. Le Piccole Arene, invece, dovranno essere dotate di un numero di posti non inferiore a 50, almeno 2 proiezioni settimanali, un numero di giornate effettive di programmazione anche non consecutive non inferiori a 15, un adeguato standard qualitativo e accesso con biglietto o gratuito. Per le Grandi Arene è previsto un sostegno finanziario compreso tra un minimo di € 10.000 e un massimo di € 45.000 mentre per le Piccole Arene, il sostegno economico sarà compreso tra un minimo di € 5.000 e un massimo di € 10.000.

Al fine di creare sinergia tra gli enti e garantire un elevato livello di qualità, le proposte potranno essere promosse da associazioni o altri soggetti no profit in partenariato con un esercente cinematografico cittadino e inoltre, i soggetti proponenti potranno avvalersi in fase di progettazione del supporto della Città, di Film Commission Torino Piemonte e del Museo Nazionale del Cinema.

I progetti saranno valutati da una Commissione costituita da soggetti interni all'Amministrazione (ed eventualmente anche esterni) che valuterà con particolare attenzione le seguenti caratteristiche: la qualità della programmazione cinematografica e culturale; le modalità di rimborso del costo del biglietto qualora lo spettacolo non potesse avere luogo per condizioni meteorologiche avverse o nuova emergenza Covid-19; la rete di collaborazioni messa in atto per la realizzazione del progetto; la qualità dell'allestimento, della linea estetica, dell’eco-sostenibilità e della compatibilità ambientale del progetto sul territorio; la sostenibilità economico-finanziaria. Dopo aver esaminato i progetti la Commissione stilerà due graduatorie (una per ciascuna tipologia di arena prevista) e l’amministrazione supporterà, attraverso Fondazione per la Cultura, i primi quattro idonei di entrambe le categorie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento