Martedì, 23 Luglio 2024
Attualità

Cannabis, approvato in Sala Rossa un ordine del giorno per la sua legalizzazione

Ma 6 consiglieri del Pd si astengono

E' stato approvato in Consiglio comunale a Torino, con 17 voti a favore, 4 contrari e 7 astenuti, l'ordine del giorno presentato da Silvio Viale che sollecita il Parlamento ad approvare un disegno di legge sulla legalizzazione della produzione e il consumo di cannabis e suoi derivati. Il documento impegna anche la presidenza ad inviare il testo approvato ai presidenti di Camera e Senato.

"Il nostro Paese - ricorda Viale, capogruppo della Lista Civica per Torino - ha già legalizzato l'uso di cannabinoidi per finalità mediche nel 2007 mentre nel 2014, con un’intesa fra ministeri, è stato avviato un progetto pilota presso lo Stabilimento Chimico farmaceutico militare di Firenze per la produzione di infiorescenze, concluso con successo nel 2016".

Benefici economici e sociali

Il testo dell’ordine del giorno, ricorda che la Relazione annuale del Parlamento sulle tossicodipendenze del 2021 segnala come il mercato delle sostanze stupefacenti sia capace di muovere attività economiche per 16,2 miliardi di euro, di cui circa il 39% attribuibile al consumo dei derivati della cannabis, con la conseguenza che oltre un terzo della popolazione carceraria è costituito, oggi, da persone detenute per reati legati alla produzione, al traffico o al consumo di sostanze stupefacenti.

"La legalizzazione della cannabis porterebbe - ha sottolineato Viale - , fra gli altri, diversi benefici economici e sociali quali: l’aumento di entrate per le finanze pubbliche, un danno alla criminalità organizzata, l’emersione dall’illegalità di comportamenti diffusi, la riduzione della popolazione carceraria. Inoltre, legalizzando la produzione di cannabis, si renderebbero disponibili le materie prime necessarie alla produzione di medicinali a base di cannabinoidi evitandone l’importazione dall’estero".

La posizione del Pd

Ma sull'approvazione dell'ordine del giorno in questione, il Partito Democratico non è stato coeso. Nel dettaglio, a favore 15 consiglieri del centrosinistra e due consiglieri M5S, mentre si sono astenuti uno dei due Moderati e 6 consiglieri del Pd. 

"Proprio il voto del gruppo del Pd - aggiunge Viale -, 10 a favore e 6 astenuti, impone una riflessione perchè rappresenta le difficoltà nel centrosinistra, dove permangono pregiudizi, che sono alla base della lentezza del processo legislativo. 
L'approvazione del disegno di legge in discussione alla Camera sulla coltivazione di 4 piante per uso personale, ludico o terapeutico, aiuterebbe a fare chiarezza e a sensibilizzare chi è ancora dubbioso sui rischi sociale che incorrono i consumatori, mentre quellli sanitari sono minimi e non maggiori di quelli di altre sistanze legalizzate, come alcol e tabacco".

"La questione va aldilà del semplice interesse dei consumatori - conclude Viale - , ma vi sono ancora molte diffidenze da superare in chi stenta a cogliere gli indiscutibili vantaggi per la società e i non consumatori".

L'associazione "Luca Coscioni": "Lo Russo prende una posizione chiara su questo tema"

“L’approvazione del disegno di legge in discussione alla Camera sulla coltivazione di 4 piante per uso personale aiuterebbe a fare chiarezza e a sensibilizzare chi è ancora dubbioso. Sebbene la questione vada aldilà del semplice interesse dei consumatori, vi sono ancora molte diffidenze da superare in chi stenta a cogliere i vantaggi per la società e i non consumatori.” ha dichiarato Silvio Viale, dopo la votazione del Consiglio.

La Cellula Torino dell'Associazione Luca Coscioni "accoglie con viva gioia l’approvazione del testo con diciassette voti favorevoli, conscia che sia solo un piccolo tassello in un grande puzzle, ma certa che faccia la differenza soprattutto nel nostro capoluogo che ancora una volta si conferma capitale dei diritti. Si rammarica per i quattro contrari, per i sette astenuti e per i sei non partecipanti al voto. Tredici gli assenti, tra cui il sindaco Stefano Lo Russo, da cui ancora ci si aspetta una chiara presa di posizione sul tema".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cannabis, approvato in Sala Rossa un ordine del giorno per la sua legalizzazione
TorinoToday è in caricamento