Attualità

A Torino, cimiteri aperti mezza giornata nei giorni di Natale e Santo Stefano

Bilancio di fine 2020 positivo per Afc Torino: nuove assunzioni e investimenti

La grande croce dell'Ossario al Monumentale

A Natale e Santo Stefano i cimiteri di Torino resteranno aperti alle visite sino alle 12,30. Sarà così possibile recarsi dai propri cari defunti anche nei giorni di festa ormai imminenti. Inoltre è positivo il bilancio di fine anno per AFC Torino Spa, la Società pubblica del Comune che gestisce i sei cimiteri della Città dal 2006. Il Consiglio di amministrazione ha infatti appena approvato l’assunzione di altri sette operatori cimiteriali oltre ai dieci previsti nella prima selezione pubblica, arrivando a diciassette; il progetto esecutivo per mettere in sicurezza l’Ossario sotto la Grande Croce al Monumentale, senza movimentare le migliaia di ossa custodite, e l’approvazione del budget 2021 con un piano di investimenti sino al 2023 per cinque milioni di euro.

Il piano comprende anche la riqualificazione di due complessi di sepolture (i gruppi 33 e 34 al Monumentale), un nuovo cellario per i Caduti sul lavoro ora sepolti nel campo di fronte al memoriale per le vittime ThyssenKrupp e l’ultimazione dell’ultima tranche del rifacimento degli impianti idrici nell’area antica del Monumentale e presso i cimiteri di Sassi e Abbadìa.

Diciassette neoassunti

Anziché rivolgersi a un‘agenzia interinale, si è deciso di attingere alla graduatoria della selezione pubblica che si è conclusa il 15 dicembre. Dalle 10 assunzioni previste inizialmente si è saliti a 17 nuovi posti di lavoro con contratto a tempo indeterminato. Hanno risposto in 1410. Numerosi i candidati professionalmente preparati che hanno superato le tre fasi della selezione che consistevano in:  titoli ed esperienze, prova pratica e infine colloquio orale. Quindi si è deciso di attingere alla graduatoria pubblicata in questi giorni per altri sette posti di lavoro (operatori cimiteriali ma anche del verde e per la manutenzione).

“Promessa mantenuta - dichiara l’Amministratore delegato di AFC, Antonio Colaianni - Avevamo detto che con i pensionamenti avremmo assunto altre persone e lo abbiamo fatto”. E aggiunge: “Grazie al Decreto rilancio godiamo anche di una decontribuzione di circa centomila euro”.

Budget 

Il budget economico 2021 prevede investimenti sino al 2023 per circa cinque milioni di euro. Nel 2021 si prevede un totale ricavi di 14.505.800 euro afferenti alla gestione dei Servizi cimiteriali, mentre i costi ammontano a 13.775.848 euro, il risultato gestionale netto aziendale 2021 si prevede invece positivo per 729.952 euro. Il budget è pubblicato sul sito dei cimiteri nella sezione trasparenza. Ossario: messa in sicurezza entro il 2021. L’antico ossario della Città, nel cuore del cimitero Monumentale, sotto il piazzale della Grande Croce nel Primitivo, dove sfilano i funerali e i cortei con le Autorità per le commemorazioni, è a rischio e necessita di un intervento di consolidamento strutturale.

Il Consiglio di amministrazione di AFC Torino Spa, ha approvato il progetto esecutivo che consentirà di rafforzare la struttura non movimentando i resti osseii custoditi (tremila metri cubi). La soluzione decisa prevede che anziché dall’interno si agisca dall’esterno, togliendo il porfido che ricopre la pavimentazione e realizzando un controsolaio collocato sopra quello esistente, sostenuto da elementi verticali in cemento armato posti alle estremità dell’area. I lavori iniziano nel 2021. Costo totale dell’opera 1.125.800 euro.

Un intervento delicato

“Vista la delicatezza dell’intervento e la complessità tecnica, ci è sembrato opportuno scegliere una gara col criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e non al massimo ribasso - spiega il presidente di AFC, Roberto Tricarico -. Il problema si era già posto negli anni passati - aggiunge - AFC aveva avviato uno studio di valutazione dello stato di conservazione delle strutture portanti che aveva condotto ad un primo intervento immediato di messa in sicurezza dei pilastri nel 2013. Il problema maggiore era come fare a movimentare le migliaia di ossa. Migliaia di resti che raccontano la storia della Città”.

"Ringrazio AFC per aver trovato una soluzione per l’Ossario, che risponde al necessario rispetto per i resti mortali - ha commentato soddisfatto l'assessore con delega ai cimiteri, Marco Giusta -. Auspico che il medesimo impegno sia assicurato nell’intervento definitivo che risolverà il problema delle infiltrazioni alla Collina della Memoria nel cimitero Parco, tanto atteso dalla cittadinanza, e nella realizzazione del cellario per i Caduti sul lavoro come promesso alle associazioni di caduti e mutilati sul lavoro"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Torino, cimiteri aperti mezza giornata nei giorni di Natale e Santo Stefano

TorinoToday è in caricamento