Annullato il Festival dell'Oriente: è psicosi Coronavirus

La kermesse si terrà in data da destinarsi

La psicosi del Coronavirus ha colpito anche a Torino. Come era già stato anticipato dagli organizzatori, nonostante il cauto ottimismo, il Festival dell'Oriente che avrebbe dovuto svolgersi al Lingotto dal 20 al 22 e dal 27 al 29 marzo, è stato posticipato a data da destinarsi.

La kermesse che ogni anno raduna migliaia di persone, appassionati o semplicemente curiosi di avvicinarsi al folklore e alle usanze dei paesi lontani, tra cui anche la Cina, non si farà.  Perlomeno non adesso. Come la tappa di Bologna anche quella torinese è stata annullata mentre al contrario, come recitano il sito ufficiale e la pagina Facebook, ci sarà quella di Genova a inizio marzo.

Una scelta, quella di annullare la kermesse sotto la Mole, dettata dalla paura del virus che ha già influito sull'edizione di Milano tra gennaio e febbraio dove i visitatori, rispetto al 2019, sono stati la metà. A Torino la psicosi ha causato anche episodi sgradevoli come l'aggressione e il ferimento di due giovani cinesi da parte di due adolescenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

  • Tragedia a Torino: uomo si toglie la vita gettandosi nel Po

Torna su
TorinoToday è in caricamento