Attualità

Teatro Regio, il commissario straordinario annulla gli spettacoli itineranti: il Comune di Rivalta non ci sta

La comunicazione è arrivata, in via ufficiosa, il giorno prima dell'evento

Rosanna Purchia, commissario straordinario del Regio

Il Teatro Regio annulla gli spettacoli itineranti ma l'amministrazione di Rivalta non ci sta. Gli appuntamenti del 2 ottobre e del 9, che dovevano tenersi nella città a pochi chilometri da Torino, non si svolgeranno e in Comune l'annuncio è arrivato proprio alla vigilia, in via del tutto informale. A prendere questa decisione il commissario straordinario, da poco giunto a Torino, Rosanna Purchia che, a detta dell'amministrazione rivaltese ha annunciato "l'annullamento di tutti i concerti già programmati con il Regio Itinerante". 

"Le ragioni finanziarie alla base dell’annullamento evidentemente - si legge in una nota del Comune - superano sia i rapporti contrattuali in essere, sia i rapporti ultradecennali con il nostro ente. Ci rendiamo conto del momento di difficoltà che sta attraversando il Teatro Regio, ma ci auguriamo che il superamento delle problematiche finanziarie non venga a coincidere con il superamento delle importantissime relazioni con i Comuni, che hanno consentito di veicolare attraverso la musica progetti culturali di grande qualità a costi popolari, che enti di piccole o medie dimensioni non potrebbero altrimenti permettersi".

Il programma di concerti itineranti previsti nei prossimi giorni erano una sorta di "recupero" della passata stagione, finita prima a causa del lockdown, e rappresentavano la ripartenza, sia per gli artisti impegnati nel progetto, sia per gli stessi cittadini che in massa avevano già acquistato il biglietto. Evidentemente però, l'iniziativa non andrà a buon fine, anche se in realtà una comunicazione ufficiale non è ancora arrivata. Piccata la reazione del Comune e dell'assessore alla Cultura, Nicoletta Cerrato:

"Credo che l'accessibilità della cultura debba essere un punto qualificante anche della visione politica: per quanto certamente rappresenti un costo, la ricaduta positiva sui cittadini è incommensurabile, soprattutto in un momento difficile come questo, in generale e in particolare per la pandemia ancora in atto. Se noi pensiamo - ha concluso l'assessore - che la cultura debba essere trattata come una qualsiasi attività economica che deve produrre risultati materiali immediati abbiamo già perso".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro Regio, il commissario straordinario annulla gli spettacoli itineranti: il Comune di Rivalta non ci sta

TorinoToday è in caricamento