L'aumento dei contagi ferma la Fiera di Santa Caterina: l'evento raduna ogni anno migliaia di persone

Annullato anche il Mercato Europeo a ottobre

E' stata annullata a Rivoli, a causa dell'emergenza sanitaria, la Fiera di Santa Caterina. Il covid è riuscito a fermare anche l'evento fieristico che ogni anno, in provincia di Torino, raduna migliaia e migliaia di persone e che quest'anno era in programma il 23 novembre. Non ci sarà nemmeno il tradizionale parco dei divertimenti che sarebbe stato allestito a partire dal 14 dello stesso mese. L'annuncio è arrivato, con rammarico, in seguito all'aggravamento della situazione pandemica, dall'amministrazione comunale che ha ritenuto informare operatori e cittadinanza dopo una consultazione con gli uffici, i responsabili della sicurezza della manifestazione e l'Asl di competenza.

Impossibile garantire la sicurezza

Le ragioni della decisione sono essenzialmente riconducibili al recente costante aumento dei contagi e all’impossibilità di assicurare negli spazi a disposizione le misure di distanziamento indispensabili a garantire idonee condizioni di sicurezza sanitaria. Né è attuabile una soluzione che assicuri la riduzione della densità delle postazioni di vendita allargando l’area fiera - occorrerebbe infatti garantire almeno il raddoppio della stessa - o una regolazione degli accessi, stante l’articolazione e l’estensione della fiera. Discorso in parte analogo vale per il parco divertimenti, essendo troppo onerose le misure necessarie a garantire la sicurezza dell’evento, destinato soprattutto a un pubblico giovanile.

Rimane confermata, al momento la Sagra della domenica 22 novembre, di minore impatto. Tale evento infatti consta di circa 90 banchi e si sviluppa in un’area che è possibile contingentare per un costante monitoraggio dell’affluenza. L’amministrazione si adopererà per studiare la possibilità di evitare una duplice imposizione dell’imposta di bollo sugli esercenti che hanno presentato la domanda per l’edizione di quest’anno della manifestazione.

Annullato per la seconda volta il Mercato Europeo

Intanto dal 23 al 25 ottobre, sempre a Rivoli, gli organizzatori hanno comunicato al comune di aver deciso per l'annullamento del Mercato Europeo che era già stato annullato lo scorso marzo, sempre per l'emergenza sanitaria. 

“Si è lavorato in questi mesi con l’organizzazione per adottare ogni genere di precauzione - ha confidato l'assessore al Commercio di Rivoli, Paolo Dabbene -, prevedendo di attuare le norme più severe in materia di prevenzione del rischio di contagi. Ma alla luce della crescita dei casi di Covid-19, FIVA , in accordo con l’Amministrazione Comunale, ha preferito adottare la cautela, non potendo garantire un adeguato contingentamento degli ingressi per una evento di tale portata che si sviluppa nel pieno centro della città.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento