Il covid ferma anche gli eventi sportivi: annullata 'Una corsa da Re' a Venaria Reale

Il neo sindaco Giulivi ha dovuto, con rammarico, prendere la decisione e cancellare la kermesse

Un'edizione passata di Una corsa da Re, davanti alla Reggia

Annullata anche "Una corsa da Re", l'evento podistico che sabato 17 e domenica 18 ottobre si sarebbe dovuto svolgere a Venaria Reale. Il covid sta cancellando, come è già successo in primavera, tutti gli eventi che inevitabilmente creano assembramenti e che difficilmente sono riorganizzabili secondo le normative anti contagio. Così come ha spiegato, in questo caso il neo sindaco di Venaria, Fabio Giulivi:

"Ho trascorso le ultime 24 ore al telefono e in riunioni per sentire il parere di più enti - ha detto - Alla fine di questa necessaria ricognizione, sentiti anche i componenti della Giunta che hanno condiviso la posizione, ho comunicato ai promotori l'impossibilità di procedere con lo svolgimento dell'evento. Il Piano di emergenza ed il protocollo Covid preparati dagli organizzatori sono coerenti con l'ultimo DPCM 13/10/2020, ma stante il crescente caso di contagi che sta coinvolgendo il nostro Paese, non me la sono sentita di dare il via libera a questa iniziativa sportiva. Quasi 9000 contagi e 83 morti nella sola giornata odierna - ha aggiunto - sono lì a ricordarci che l'emergenza Covid sta purtroppo nuovamente esplodendo in tutta la sua drammaticità. Il nostro paese, così come la nostra Città, non potrebbe reggere un nuovo lockdown e pertanto dobbiamo cercare di evitare quelle possibili fonti di contagi di eventi non essenziali per la nostra collettività".

L'evento vrebbe radunato 1600 persone 

La kermesse, organizzata da Base Running in collaborazione con Regione Piemonte, Città di Venaria Reale, Reggia di Venaria, Parco Regionale La Mandria, prevedeva gare da 10, 21 e 30 km e avrebbe comportato la presenza di circa 700 persone al sabato e di 900 la domenica mattina. Molto complicato dunque procedere con lo svolgimento, nonostante l'evento fosse all'aria aperta.

"Mi metto nei panni degli organizzatori - si è scusato - che sicuramente si troveranno in grande difficoltà dopo la notizia che ho comunicato poco fa al loro tecnico incaricato della sicurezza, incontrato anche in mattinata in Comune, ma l'aumento preoccupante dei contagi sconsiglia qualsiasi possibile rischio di nuovi focolai.  Chiedo scusa anche a tutti i partecipanti che certamente criticheranno questa scelta, ma un Sindaco deve prendere delle decisioni che tutelino in primis la salute pubblica e il solo pensiero che a causa di questa manifestazione possano esserci partecipanti contagiati magari da un atleta asintomatico, mi ha fatto assumere questa decisione".

Giulivi è appena stato eletto a Venaria e questo è il primo provvedimento di cui si è dovuto fare carico: "Non avrei mai voluto cominciare così - ha concluso -, ma amministrare vuol dire prendere decisioni anche difficili e, se continuerà a crescere la curva dei contagi, purtroppo non sarà questa l'unica".

Il rammarico degli organizzatori, la solidarietà dei runners

Dispiaciuti anche gli organizzatori di Base Running che hanno provveduto a trasmettere la decisione del sindaco a tutti gli iscritti all'evento: "Con grande dispiacere - si legge in una nota - comunichiamo che oggi alle 18 le Autorità competenti hanno annullato la IX edizione di “Una Corsa da Re” a seguito del noto aggravamento della situazione sanitaria nazionale. Base Running si impegna comunque a restituire la quota di iscrizione a tutti coloro che ne faranno richiesta presentandosi presso la nostra sede di Corso Cairoli 28 a Torino. Gli iscritti provenienti da zone diverse possono contattarci per individuare le modalità alternative. E’ un giorno di grande tristezza che supereremo con la determinazione tipica dei runners".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I runners, che sembrano aver capito la situazione, si sono limitati con spirito sportivo, ad appoggiare la scelta dell'amministrazione e a sostenere, con parole di conforto, gli organizzatori. In molti hanno anche annunciato che non chiederanno nemmeno il rimborso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento