rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Attualità Colleretto Castelnuovo

Green pass obbligatorio al lavoro, la protesta del sindaco di Colleretto Castelnuovo: "È un ricatto"

E sposta l'ufficio in piazza

Aldo Querio Gianetto, sindaco di Colleretto Castelnuovo, ha dato il via oggi - venerdì 15 ottobre - alla sua personale protesta contro l'obbligatorietà del green pass sul luogo di lavoro, appena entrato in vigore. Per 24 ore - "Almeno per ora, poi vedremo cosa succederà", precisa lui stesso - incrocerà le braccia come sindaco, emergenze a parte, e riceverà i suoi cittadini in piazza, 'l'agorà' che ai tempi dell'antica Grecia era il cuore pulsante della polis, della cittadinanza attiva e democratica. 

"Una protesta simbolica - precisa Querio Gianetto - , ma è una questione di principio. Al di là della questione se i vaccini siano efficaci o meno, io mi voglio schierare con quella parte di lavoratori che oggi si trovano sotto ricatto. In uno Stato democratico non devono esistere cittadini di serie A e di serie B, costretti a pagare centinaia di euro al mese per poter andare a lavorare". 

Una chiara manifestazione di dissenso nei confronti di questa situazione "divisiva che si è venuta a creare in un momento critico per l'Italia".  "In due anni dall'inizio della pandemia, non si è fatto nulla per cercare di limitare i disagi: i bambini a scuola, ancora oggi, devono portare la mascherina seduti nel banco e in discoteca invece si può ballare senza, tutti ammassati. Non ha senso". Il primo cittadino, che ci tiene a precisare, si è sottoposto a tutti i vaccini da sempre, in questa che lui definisce una situazione "estrema", prende così una posizione decisa: "Riceverò le persone fuori dal municipio, affinché si veda il mio disappunto - conclude -, nella speranza che da Roma qualcosa si muova. Il dramma di tutta questa situazione è che quando si sdoganano certe procedure, si dà il via a circostanze che potrebbero ripetersi in futuro".  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass obbligatorio al lavoro, la protesta del sindaco di Colleretto Castelnuovo: "È un ricatto"

TorinoToday è in caricamento