rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Contro il gioco d'azzardo patologico / Chieri

Lotta alla ludopatia, in 4 comuni arrivano una linea telefonica e uno sportello

Il progetto "Vite in gioco"

Il Comune di Chieri, capofila del progetto, in collaborazione con i comuni di Moncalieri, Carmagnola e Nichelino ed il SerD dell'AslTO5, ha realizzato un progetto per combattere la ludopatia.

Si chiama "Vite in gioco" e consiste in una linea telefonica e in uno sportello itinerante, informativo e creativo con sedi nei quattro comuni interessati per offrire consulenza economica finanziaria e un servizio di accompagnamento, anche legale, oltre che di informazione e di sensibilizzazione.

Saranno promossi percorsi informativi e formativi insieme alle realtà sociali attive nei territori. I destinatari di questa linea telefonica e dello sportello sono, oltre alle persone malate di ludopatia, le loro famiglie, che sono vittime indirette del gioco d'azzardo patologico. I due principali target interessati dal gioco d’azzardo patologico sono i ragazzi tra 14 ed i 19 anni (il 48% di loro gioca. Dati Nomisma) e gli over 65.

Vite in gioco: il progetto

Il progetto è nato un anno fa quando il Comune di Chieri si è aggiudicato il concorso di idee promosso dall'AslTP3 (Dipartimento Patologie della dipendenza).

"Questo progetto intende intercettare le potenziali richieste di aiuto, far emergere il sommerso, quindi intervenire per aiutare le famiglie a contrastare le difficoltà economiche che il problema comporta, affrontando e circoscrivendo la situazione di crisi, favorendo contatti con la rete formale ed informale che è presente sul territorio. Spesso nelle vittime manca la consapevolezza del problema ed il coraggio di chiedere aiuto, il nostro auspicio è che telefono e sportelli possano incoraggiare le persone ad avvicinarsi in tempo, spiegando come risparmiare, evitare di indebitarsi e provare rialzarsi", spiega l’assessora alle Politiche sociali del Comune di Chieri Raffaela Virelli.

“È molto importante che in un progetto di questo tipo si sia sviluppata una collaborazione tra quattro Comuni, l’Asl, il C.S.S.A.C.-Consorzio dei Servizi Socio-Assistenziali del Chierese ed una realtà come il Gruppo Abele. È nostra intenzione promuovere momenti aperti alla cittadinanza e affiancare all’attività dello Sportello e della Linea Telefonica una serie di volontari formati sul tema, che potranno divenire moltiplicatori di messaggi e di informazioni corrette sui rischi legati al gioco d’azzardo, nonché ricevitori e identificatori di situazioni critiche”, ha concluso.

La Linea Telefonica si rivolge principalmente alle famiglie indirettamente colpite dai debiti di gioco dei loro familiari e agli stessi giocatori problematici, e sarà uno strumento per tutti quei cittadini che vogliono informarsi sul tema dei rischi relativi al gioco d’azzardo e sui servizi di cura attivati dai SerD dell’ASLTO5.

La Linea Telefonica - 331/403.96.78 - è attiva 6 ore la settimana (dal lunedì al sabato, dalle 13 alle 14) per parlare direttamente con l’operatore; in altri orari sarà possibile lasciare un messaggio vocale o un messaggio scritto su WhatsApp o sms per essere ricontattati.

Lo Sportello Itinerante offre supporto e consulenza economico-finanziaria (analisi e supporto della situazione debitoria, valutazione della gestione del denaro e del rischio economico e patrimoniale per sé, i figli e i congiunti, accompagnando i famigliari nella comprensione della complessità del Gioco d’Azzardo Patologico, individuando e pianificando strategie maggiormente funzionali sulla gestione del denaro, coinvolgendo professionisti esperti in materie giuridiche e finanziarie, ed inviando gli interessati a servizi specialistici dell’Asl, che procederà alla presa in carico per la diagnosi e la cura. 

Inizialmente gli Sportelli saranno aperti una volta al mese, poi diventeranno quindicinali e infine settimanali.

A Chieri lo Sportello sarà aperto dal 6 aprile e sarà attivo presso lo Sportello unico del Municipio, con ingresso da via Palazzo di Città 10, dalle 9 alle 13, ed è necessaria la prenotazione alla linea telefonica del servizio.

A Carmagnola lo Sportello sarà aperto dal 22 marzo, con sede presso il Palazzo Comunale, in Piazza Martiri (ingresso da Via Silvio Pellico 1 - Uffici delle Politiche Sociali) dalle 9 alle 13

A Moncalieri lo Sportello sarà aperto dal 30 marzo, con sede presso il Centro Polifunzionale Don Pier Giorgio Ferrero in Via Santa Maria 2, dalle 9 alle 13

A Nichelino, sede ed orari in via di definizione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alla ludopatia, in 4 comuni arrivano una linea telefonica e uno sportello

TorinoToday è in caricamento