Martedì, 23 Luglio 2024
Attualità

Aeroporto di Torino, segnali di ripresa nel 2021: aumentano passeggeri e ricavi

Il bilancio è in rosso, ma le perdite sono più che dimezzate rispetto al 2020

Segnali di ripresa nel 2021 per l'Aeroporto di Torino. Lo scalo torinese ha servito in tutto l'anno 2.066.106 passeggeri, registrando un aumento del traffico di 658.734 passeggeri, pari al +46,8% rispetto al 2020, e attestandosi al 52,3% dei volumi del 2019, ultimo anno non influenzato integralmente dalla pandemia. 

Tuttavia l'Aeroporto di Torino, nonostante più ricavi e più passeggeri, presenta nel 2021 un bilancio in rosso: il risultato netto del Gruppo è infatti negativo, pari a -8,4 milioni di euro, pur con una perdita più che dimezzata rispetto a -18,6 milioni di euro del 2020. I ricavi totali di Sagat ammontano nel 2021 a 37,2 milioni di euro, con un aumento del +40% rispetto all’esercizio 2020. 

Lo scalo inoltre, si attesta, a dicembre 2021, tra i migliori scali regionali europei in termini di performance sul recupero di traffico: nel mese lo scalo ha registrato volumi complessivi pari all’86,4% rispetto a quelli di dicembre 2019.

Segmento nazionale

Significativa, in questo scenario, la ripresa del segmento nazionale, che nel 2021 ha registrato volumi pari a 1,5 milioni di passeggeri, attestandosi a un +68% sul 2020 e a un -21,9% sui dati del 2019. Il mercato nazionale, sviluppato principalmente sulle direttrici verso il Sud Italia e le isole, ha dimostrato particolare vivacità nel periodo di picco estivo, registrando ad agosto 2021 addirittura il miglior dato di sempre, grazie alla ripresa della domanda di viaggio.

Voli internazionali

Il segmento di linea internazionale ha fatto registrare 575 mila passeggeri nel 2021, in crescita del +11% sul 2020, ma ancora significativamente inferiore ai livelli del 2019 (-72%). Il divario del segmento internazionale rispetto all’epoca pre-pandemica si è fortemente ridotto negli ultimi due mesi dell’anno: con l’avvio della stagione winter 2021/2022 a novembre sono partite le operazioni della nuova base Ryanair, che a Torino ha posizionato due aeromobili e lanciato 19 nuove rotte, di cui 17 internazionali.

Le novità del 2021

Prima della stagione estiva si è assistito all’apertura di nuovi collegamenti su destinazioni nazionali già servite: è il caso della rotta per Palermo aperta da Blue Air e da Wizz Air; della rotta per Olbia lanciata da Blue Air e da easyJet; delle rotte per Cagliari, Lamezia Terme e Napoli servite da Ryanair; del volo per Bari operato da Wizz Air. Blue Air ha poi avviato il nuovo volo per Reggio Calabria, mentre Ryanair ha lanciato il collegamento per Pescara. Sul fronte dei rafforzamenti, la stagione estiva 2021 ha visto un aumento significativo di frequenze su praticamente tutte le destinazioni del Sud Italia e delle isole. Con la stagione invernale ha infine preso il via il nuovo collegamento verso Trapani di Ryanair.

Nel segmento internazionale, in estate ha debuttato sul mercato italiano proprio da Torino Airport la compagnia aerea Binter con il collegamento inedito per Gran Canaria; inoltre sono state avviate tratte nuove verso Grecia e Baleari, con il Mykonos e il Minorca di Volotea e i nuovi voli Ryanair verso Chania (Creta), Corfù, Rodi e Palma de Mallorca; infine nuovi collegamenti si sono aggiunti anche per l’Est Europa, con il Leopoli, in Ucraina, con Ryanair e Bacau, in Romania, con Wizz Air.

La vera novità dell’anno è però stata l’apertura dalla stagione invernale della base Ryanair che con due aeromobili è arrivata a servire 33 rotte, tra cui le nuove internazionali verso Birmingham, Budapest, Cracovia, Copenaghen, Edimburgo, Kyiv, Lanzarote, Londra Luton, Madrid, Malaga, Marrakech, Parigi Beauvais, Shannon, Siviglia e Tel Aviv. Infine, si ricorda la novità del volo verso Parigi Orly operato da Vueling a partire dal 2 novembre 2021.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporto di Torino, segnali di ripresa nel 2021: aumentano passeggeri e ricavi
TorinoToday è in caricamento