Attualità

Torino, obbligo di bottiglietta d'acqua per i padroni dei cani: come cambia il nuovo Regolamento

Una regola già prevista in altre città

Anche a Torino i padroni dei cani dovranno muoversi, come già succede in altri comuni, con una bottiglietta d'acqua per rimuovere la pipì dei loro fedeli amici. Non solo il sacchettino per le deiezioni solide e la paletta dunque. Questo è ciò che prevede la bozza del nuovo Regolamento comunale per la tutela degli animali: una modifica volta a rendere più pulito il suolo urbano e a evitare spiacevoli inconvenienti ai pedoni. 

Il Regolamento si prefigge dunque di introdurre in città, per i padroni dei cani, l'obbligo di "essere muniti di un recipiente con acqua per lavare l'urina da marciapiedi, muri condominiali e vetrined di negozi al fine di prevenire la stagnazione e conseguente malodore". 

Fra le altre novità dell'atto in fase di definizione e conseguente approvazione, da segnalare anche il recepimento della norma nazionale sull'obbligo di portare con sé una museruola "da applicare in caso di rischio di incolumità per persone e animali" e il libero accesso di cani e altri animali, "salvo certificate motivazioni igienico sanitarie", in "luoghi di ricovero e cura, asili nido, scuole per l'infanzia e istituti scolastici".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, obbligo di bottiglietta d'acqua per i padroni dei cani: come cambia il nuovo Regolamento

TorinoToday è in caricamento