Il sindaco vara un'ordinanza contro gli acchiappafantasmi: "Creduloni, l'edificio rischia di cadervi in testa"

Molte visite alla ricerca del soldato imprigionato

Uno scorcio della villa di Costantino Nigra e, in alto, un'apparecchiatura per avvertire le vibrazioni dei fantasmi

"Guardate che i fantasmi non esistono". Una frase che detta così potrebbe sembrare ovvia ai più ma che invece non lo è a Castelnuovo Nigra, dove la vecchia villa di Costantino Nigra, il politico e poeta ottocentesco che dà il nome al paese (che prima di lui si chiamava Villa Castelnuovo), è da tempo meta di cultori dell'occulto e di 'ghostbusters', per rifarci ai famosi film degli anni Ottanta. Le visite sono numerose e documentate da gallerie fotografiche sui social network, dove si vedono anche apparecchi rilevatori di fantasiose vibrazioni provenienti dall'aldilà, dall'aldiquà o magari dalla cosiddetta 'twilight zone' (che sta un po' in mezzo).

In ogni caso, a scrivere quella frase, su Facebook, è il sindaco del paese, Danilo Chiuminatti, che lo ha fatto non tanto per ribadire di non cadere in facili credulonerie, ma soprattutto perché quell'edificio è da tempo pericolante e a rischio crollo. "Non avvicinatevi al nostro castello di Villa Castelnuovo perché rischia di cadervi in testa", ha aggiunto senza tanti giri di parole. E ancora: "Abito a un centinaio di metri dai ruderi e non ho mai sentito o visto nulla di strano. Direi di lasciare queste credenze ai creduloni".

Ma il primo cittadino non si è limitato ad affidarsi ai social network: ha anche varato un'apposita ordinanza di divieto di entrata nel complesso (compresa la vicina vecchia fortezza dei conti San Martino, che cade a pezzi anch'essa), che ormai versa in uno stato di completo abbandono da decenni. Anche i carabinieri hanno fatto un sopralluogo a fine giugno 2020 accertandosi dei problemi di staticità dell'edificio. "Chi non la rispetta - conclude - lo fa a suo rischio e pericolo. In caso di incidente non venga poi a lamentarsi in Comune"

La leggenda del fantasma del soldato

La domanda che ne consegue è: perché ultimamente Villa Nigra (il casello che in realtà esisteva dal 1202, ma in cui il politico nacque nel 1828, più il nuovo edificio fatto costruire dalla nuora a fine secolo) è meta delle visite degli acchiappafantasmi? Perché sul web è tornata a circolare (in alcuni casi anche con video) la leggenda di un soldato che, durante la difesa del vecchio castello durante l'assedio dei francesi, fu scoperto mentre tentava di abbandonare il suo posto di guardia con lo scopo di raggiungere la fanciulla amata e che per questo fu rinchiuso a vita nelle segrete dell'edificio. Si dice che il suo spirito sia rimasto intrappolato lì dopo la morte e che stia ancora cercando la strada per fuggire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ricerca-fantasmi-villa-castelnuovo-nigra-200703 (3)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento