menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Addio a Fabio Artesi, a Torino l’ultimo saluto al fotoreporter morto per coronavirus

"Chi si mette al servizio della verità si mette al servizio della libertà del prossimo. Chiediamo al buon Dio che Fabio possa avere fatto questo"

 La notte di Natale è morto a 56 anni il nostro collega fotoreporter Fabio Artesi. Il coronavirus lo ha strappato all'affetto della moglie Simona, della figlia Sonia e di tutti noi, amici e colleghi. 

 Oggi il sindaco della sua città, Venaria Reale, ha ricordato così Fabio Artesi: "Fabio sapeva leggerti negli occhi. Per noi è davvero un Natale triste – ha detto Fabio Giulivi-. Ci vuole davvero tanta fede per trovare le motivazioni. Noi ci impegniamo a ricordarlo con una mostra fotografica o un'altra iniziativa pubblica. Fabio era una macchina del sociale". Al funerale questa mattina, alla parrocchia San Paolo Apostolo a Torino, erano presenti anche i rappresentanti della polizia di Stato, dei carabinieri, della polizia locale di Venaria con il comandante Luca Vivalda, dei vigili del fuoco e di numerose associazioni di volontariato. Presenti anche gli ex sindaci di Venaria Reale Giuseppe Catania e Roberto Falcone.

Tante le associazioni presenti. A partire dalla Croce Verde all'Anpi, passando per Esercito, Polizia di Stato, Vigili del Fuoco, Carabinieri, Avis, Pro Loco.

Le "sue" associazioni, quelle che seguiva costantemente in qualità di collaboratore delle diverse testate per le quali ha collaborato.

Tanti anche i colleghi. Anche "concorrenti", sempre sulla carta. Segno della stima e dell'affetto verso un collega cui non potevi non affezionarti e volere bene. Alla pari dei tanti amici, che non hanno voluto mancare in questo giorno così triste.

Con loro anche gli ex sindaci Roberto Falcone e Giuseppe Catania, i consiglieri comunali Alessandro Brescia, Andrea Accorsi, Rossana Schillaci, Giuseppe Arlotta. Gli assessori Paola Marchese, Monica Federico, Marco Scavone, Giuseppe Di Bella. Ex consiglieri come Ivo Dell'Amico, Mimmo Dellisanti, Maurizio Russo, Adolfo Cavallo. Così come l'assessore della Città di Torino, Marco Giusta, e il consigliere comunale Antonio Fornari. 

La celebrazione religiosa è stata officiata don Danilo Piras, parroco di San Lorenzo e di San Paolo, e da don Ezio Magagnato.

Durante l’omelia, i parroci hanno ricordato che "Chi si mette al servizio della verità si mette al servizio della libertà del prossimo. Chiediamo al buon Dio che Fabio possa avere fatto questo". Il saluto finale è stato affidato ad uno dei brani preferiti di Fabio Artesi "Alta Marea" di Antonello Venditti.

Il sindaco Fabio Giulivi ha ricordato come, in accordo con la famiglia "Fabio verrà ricordato. Ma non con una targa, una via o una piazza. Ma con qualche gesto concreto, di solidarietà. Perché per Fabio era importante fare del bene al prossimo. Di certo ci sarà, quanto prima, una mostra. Con esposte le sue fotografie più belle".

funerale Fabio artesi (2)-2 funerale Fabio artesi (1)-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento