rotate-mobile
Attualità Centro / Piazza San Carlo

"Siamo stati noi a gridare 'ti amo ancora'", chi l'ha scritto e perché: la spiegazione

L'enorme scritta in piazza San Carlo

Non è stata un'operazione di marketing e nemmeno sono stati i soliti vandali. Alle 16.30 di oggi gli Eugenio in Via Di Gioia sono usciti ufficialmente allo scoperto: "Siamo stati noi a gridare: ti amo ancora". Anzi, non sono solamente i componenti del gruppo musicale, ma è "la dichiarazione d'amore di oltre 150 persone che questa notte hanno condiviso 6 ore di partecipazione collettiva, di presidio artistico, di vita vera in una delle piazze più belle di Torino per fare esplodere il proprio sentimento d'amore. Con gessetti da scuola elementare. Scotch di carta e un metro da sartoria".

Perché "Ti amo ancora"

"Ti amo ancora. Una dichiarazione d'amore sincera. Una presa di coscienza proattiva verso una Terra che va curata. Verso un mondo economico, sociale e ambientale che va rivoluzionato. La pioggia, domani, laverà la scritta in pochi minuti. L’aria irrespirabile della nostra città, il consumo disastroso del nostro pianeta, l’inconsistente progetto di futuro per le nuove generazioni resteranno lì, sotto gli occhi di tutti, come da sempre, invisibili. Tutto questo non è più possibile. Siamo stati noi a gridare: ti amo ancora", concludono gli Eugenio in Via Di Gioia.

Segui la pagina Facebook di TorinoToday per essere aggiornato sulle notizie di Torino e provincia 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Siamo stati noi a gridare 'ti amo ancora'", chi l'ha scritto e perché: la spiegazione

TorinoToday è in caricamento