Spesa sul posto di lavoro per medici, operatori sanitari e dipendenti dell'ospedale

Grazie ad un noto supermercato

Il locker di Esselunga

Ritirare la spesa sul posto di lavoro. E' quello che d'ora in poi potranno fare i medici, operatori sanitari e dipendenti dell’Ospedale Humanitas Gradenigo di Torino.

Questo grazie alla Esselunga, che ha installato nel cortile dell’ospedale un locker, il primo a Torino.

D'ora in poi, i dipendenti del Gradenigo potranno fare la spesa online sul sito o la app della Esselunga e scegliere il giorno e la fascia oraria in cui preferiscono ricevere la spesa. Il servizio è completamente gratuito.

Il locker, attraverso un apposito sistema di refrigerazione, assicura fino al momento del ritiro la perfetta conservazione di tutte le tipologie di prodotti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

  • Investito dalla sua auto dopo avere dimenticato di inserire il freno a mano: è grave

  • La denuncia: "Aggredito dal vigilante del supermercato perché mi sono abbassato la mascherina"

  • Cammina sulle auto parcheggiate, poi si lancia su una e le sfonda il parabrezza: arrestato

  • Elezioni 2020, in 23 comuni del Torinese i cittadini sceglieranno il sindaco e il consiglio comunale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento