menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Festa del Primo Maggio a Torino “L'Italia si cura con il lavoro”: il programma

L’iniziativa sarà trasmessa in diretta Facebook sulle pagine social di Cgil Torino, Cisl Torino-Canavese e Uil Piemonte

I Segretari Generali di Cgil Cisl Uil Torino (Enrica Valfrè, Domenico Lo Bianco, Gianni Cortese) hanno presentato la Festa del Primo Maggio durante una conferenza stampa nella Sala delle Colonne del Comune di Torino, alla presnza dell’assessore alle Politiche del Lavoro e Occupazione Alberto Sacco. A causa della pandemia anche quest'anno, come accaduto nel 2020, la ricorrenza non potrà essere festeggiata con i classici eventi tra cui il corteo, ma Cgil-Cisl-Uil Torino hanno ritenuto fondamentale dare un segnale forte di ritorno alla normalità.

Le modalità dell’evento organizzato da Cgil, Cisl e Uil

L’iniziativa si terrà sabato 1°maggio a partire dalle 9.45, all’interno del Comune di Torino presso la “Sala Carpanini”, e sarà aperta dalla Banda dei Vigili Urbani che intonerà l’Inno dei Lavoratori. Seguiranno gli interventi della Sindaca di Torino, Chiara Appendino, dell'Arcivescovo di Torino, Mons. Nosiglia, di un rappresentante della Regione Piemonte, di tre delegati in rappresentanza dell’industria, del terziario e della sanità e dei Segretari Generali di Cgil-Cisl-Uil di Torino. L’iniziativa sarà trasmessa in diretta Facebook sulle rispettive pagine di Cgil Torino, Cisl Torino-Canavese e Uil Piemonte. La stessa diretta sarà diffusa in modalità audio e video in Piazza San Carlo, dove un presidio simbolicamente presenzierà e allestirà la piazza.

I temi al centro della festa

I segretari generali di Cgil Cisl Uil Torino hanno sottolineato i temi al centro della Festa di quest'anno.

Enrica Valfrè, Segretaria Generale Cgil Torino: “Per fare ripartire Torino serve investire sulla innovazione in tutti i campi, dal settore industriale - interessato da una profonda trasformazione - al settore pubblico, il terziario, il turismo e la cultura. L'innovazione deve coniugarsi con i diritti delle persone che lavorano e permettere che venga difeso il lavoro esistente e di creare nuovo lavoro di qualità. La pandemia, nel caso ce ne fosse bisogno, ci ha fatto vedere quanto lavoro nero e precario sia presente anche nel nostro territorio. Torino deve ripartire, mettendo al centro il lavoro con una campagna vaccinale che permetta, a tutti, di lavorare in sicurezza, coniugando l'innovazione, la ripartenza, la transizione digitale ed ecologica con un maggiore rispetto e tutela dei diritti di tutte le persone. Questo anche per contrastare la povertà che nella nostra città, sia prima che durante la pandemia, è ulteriormente aumentata”.

Il Segretario Generale Cisl Torino-Canavese Domenico Lo Bianco: “È un Primo Maggio di speranza e ripartenza, grazie ai vaccini, ma anche di preoccupazione per il malessere sociale molto profondo e diffuso che si avverte anche nella nostra città e nel nostro territorio. È anche un Primo Maggio di riconoscenza a chi, con il suo lavoro, con dedizione e sacrificio ha reso l’Italia un paese migliore. Non mancano le preoccupazioni per la tenuta del nostro sistema industriale, soprattutto per quelle aziende che soffrivano già prima della pandemia. Seguiamo con la giusta attenzione e determinazione la vicenda della ex Embraco, diventata in questi anni la vertenza simbolo del nostro territorio e il futuro di Stellantis in città”.

“Il nostro Primo Maggio – ha dichiarato Gianni Cortese, Segretario Generale Uil Torino-Piemonte - vuole essere all'insegna della salute, della sicurezza, del lavoro e della speranza. Bisogna fronteggiare ancora l'emergenza e sostenere coloro che hanno più sofferto gli effetti della pandemia. Bisogna riformare gli ammortizzatori sociali, mantenere la Cassa Covid e il blocco dei licenziamenti. Per il futuro è fondamentale utilizzare al meglio le risorse che arriveranno dall'Europa, recuperando i ritardi strutturali del nostro territorio, all'insegna della trasformazione digitale e della transizione ecologica, tenendo conto delle dinamiche demografiche. Per mantenere la coesione sociale occorre rafforzare i legami tra le generazioni, pensare agli anziani e al futuro dei giovani, progettando lo sviluppo di un territorio che ha, da sempre, punte di eccellenza e di debolezza".

Le iniziative nelle altre città del Piemonte

 A Novara alle ore 10, all’entrata dell’Ospedale Maggiore della città, si svolgerà la conferenza stampa dei Segretari generali di Cgil, Cisl, Uil, Attilio Fasulo, Elena Ugazio, Roberto Vittorio.

A Biella, alle ore 10, sarà disponibile sui social di Cgil Cisl Uil il breve video del saluto e della deposizione di fiori in Piazza Martiri della Libertà.

A Vercelli, alle ore 11 in piazza Del Municipio, si svolgerà la conferenza stampa e deposizione fiori. Alle ore 15 sulle pagine Facebook di Cgil Cisl Uil territoriali sarà trasmesso in diretta streaming “Suoni e silenzi del mondo del lavoro”.
Conferenza stampa e deposizione di fiori si svolgeranno anche a Omegna, alle ore 10, al monumento ai Caduti sul Lavoro, in località Verta, e a Borgosesia, alle ore 11, in piazza Martiri di fronte al Municipio.

Ad Alessandria un videomessaggio dei tre Segretari confederali di Alessandria, Marco Ciani (CISL), Franco Armosino (CGIL), Aldo Gregori (UIL) sarà trasmesso sabato 1° maggio, alle ore 10:05 dopo il TG nazionale sul canale 654 del digitale terrestre e in streaming su www.radiogold.it; alle 12:30 sulla pagina Facebook di Radio Gold.

Anche ad Asti, Cgil, Cisl e Uil hanno deciso di celebrare a distanza la Festa dei lavoratori con un dibattito on line dei tre Segretari Generali, Marco Ciani (Cisl), Luca Quagliotti (Cgil) e Armando Dagna (Uil) e del segretario regionale Uil, Gianni Cortese. L’evento si potrà seguire a partire dalle ore 11 di sabato sulla pagina Facebook de “La Nuova Provincia” moderato della giornalista Elisa Ferrando e curato a livello tecnico da Davide Chicarella e Maria Grazia Billi. Si parlerà di proposte e progetti per il futuro della città e della provincia, con al centro il lavoro; è previsto anche un intervento del sindaco di Asti, Maurizio Rasero e del presidente della Provincia Paolo Lanfranco.

A Cuneo i tre segretari di Cgil, Cisl, Uil, Davide Masera, Enrico Solavagione, Armando Dagna, terranno una conferenza stampa nella giornata di venerdì 30 aprile davanti al Monumento della Resistenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento