rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Attualità

In Piemonte il primo focolaio di peste suina africana: in pericolo suini e cinghiali. L'allarme di Coldiretti

Situazione monitorata dall'assessorato regionale alla Sanità

È allarme peste suina africana in Piemonte.  A Ovada è stato registrato il primo caso. Ad annunciarlo è stata prima la Coldiretti Piemonte e successivamente l'assessorato regionale alla Sanità, dopo gli esami eseguiti dall'Istituto Zooprofilattico dell'Umbria e delle Marche, centro di referenza nazionale per queste tipologie di malattie.

Come riferito dal Ministero della Salute, la Peste suina africana (Psa) è una malattia virale che colpisce suini e cinghiali e non è, invece, trasmissibile agli esseri umani.

“Siamo fortemente preoccupati – afferma Roberto Moncalvo, delegato confederale Coldiretti Cuneo – gli interventi immediati ed urgenti, così come i controlli a tappeto sui cinghiali abbattuti, che da tempo chiediamo, devono ora sicuramente essere fatti e non bastano, di fronte ad uno spettro così grave e rischioso, solo i controlli eseguiti a campione, alla ricerca esclusivamente della Trichinella. Bisogna anche mettere mano definitivamente alla forma di tracciamento della filiera e della commercializzazione dei cinghiali abbattuti. L’altra forte preoccupazione è per il danno d’immagine che questa situazione può creare diventando anche uno strumento di speculazione economica nei confronti del nostro territorio, rischiando di colpire ingiustamente i nostri allevatori che, invece, conducono i loro allevamenti con standard di bio sicurezza molto elevati. Chiediamo, pertanto, da subito di attuare tutte le misure necessarie per monitorare la situazione e contenerla il più possibile.  Inoltre, per difendere i nostri imprenditori, già fortemente colpiti dalla crisi legata alla pandemia, se dovessero generarsi strumentalizzazioni e speculazioni, non esiteremo a fare causa, a richiedere il risarcimento danni ed a costituirci parte civile nei confronti di chi non ha saputo gestire correttamente la problematica del proliferare dei cinghiali e di chi ha avuto la responsabilità di farla degenerare”.

“Non possiamo però non riconoscere – aggiunge Fabiano Porcu, Direttore di Coldiretti Cuneo – l’importanza dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte Liguria e Valle d'Aosta che, già da mesi, si è reso disponibile ad un tavolo di lavoro, nel quale riponiamo ampia fiducia, proprio su quest’emergenza sanitaria causata dalla fauna selvatica”.

Dall'assessorato regionale alla Sanità c'è preoccupazione: "Sono in corso le riunioni con i Servizi veterinari territorialmente competenti, le Autorità di gestione forestale e con i Settori ambientali e faunistico venatori. Come previsto dal Piano nazionale per le emergenze di tipo epidemico, è stato avviato l’insediamento delle Unità di crisi a livello locale, regionale e nazionale per l’adempimento delle azioni previste dal manuale operativo e dalle norme specifiche in materia. Nelle prossime ore verranno definite la “zona infetta” e la “zona di sorveglianza”, con le relative prescrizioni. Stiamo agendo con la massima tempestività, l’immediata e coordinata attuazione delle misure di controllo nei suidi selvatici risulta fondamentale nel tentativo di confinare ed eradicare il più possibile la malattia", spiega l'assessore Luigi Genesio Icardi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Piemonte il primo focolaio di peste suina africana: in pericolo suini e cinghiali. L'allarme di Coldiretti

TorinoToday è in caricamento