rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Attualità Venaria Reale

Venaria, un malore si porta via il dottor Massimo. I pazienti: "Abbiamo perso un figlio, un fratello, un amico"

Aveva solamente 56 anni

Tutta Venaria piange la figura del dottor Massimo Ricciardello, medico di base, morto ieri, martedì 16 marzo 2021, a soli 56 anni, stroncato da un malore.

Ricciardello, come ogni giorno, si era recato in studio, in via Leonardo da Vinci, alle 8 del mattino, per ricevere i suoi pazienti. Amici, più che pazienti, visto che dava "del tu" a tutti: per ognuno di loro era Massimo, non il dottor Ricciardello.

Poco prima della fine della giornata, verso le 11, il medico ha accusato i primi sentori del malore. Arrivato a casa, la tragedia. 

Ricciardello, classe 1964 (i 57 anni li avrebbe compiuti il prossimo 10 maggio), era laureato in Medicina e Chirurgia a Palermo.

"Non solo un medico ma un grande amico. Non solo una brava persona ma un vero e proprio angelo per tanti di noi. Mi aveva chiamato pochi giorni fa per la solita chiacchierata su ciò che capitava in città. Arrabbiato con il sistema sanitario che voleva cambiare ingessato dalle inefficienze che tanto denunciava. Sei stato un monumento all'integrità morale con un amore verso il prossimo smisurato. Non è mai stato un lavoro per te ma pura passione. Non dovevi andartene così Doc. Ci mancherà tutto di te. Ciao Massimo", lo ricorda con affetto il sindaco Fabio Giulivi.

Tanti i messaggi di cordoglio che in queste ore stanno facendo il giro dei social. Chi ha avuto l'onore - perché di questo si tratta - di conoscerlo, lo descrive come un uomo che non aveva orari, sempre pronto ad aiutare un suo paziente, di mattina come di sera.

Ricciardello lascia Anna Maria, con Francesco, Chiara e la piccola Aurora; la sorella Rosaria; il fratello Maurilio con Maria e i nipoti Marco e Viviana, Mariella ed Enzo.

I funerali venerdì 19 marzo 2021, alle 14.15, nella chiesa di San Francesco a Venaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venaria, un malore si porta via il dottor Massimo. I pazienti: "Abbiamo perso un figlio, un fratello, un amico"

TorinoToday è in caricamento