Juventus, Maurizio Sarri ha la polmonite: a rischio il debutto in bianconero

Prescritta terapia specifica

Maurizio Sarri

Dopo aver dovuto rinunciare a sedersi in panchina nelle ultime amichevoli della Juventus, tra cui l'ultima di sabato scorso contro la Triestina, è stato reso noto ciò che ha costretto l'allenatore bianconero Maurizio Sarri a fermarsi per qualche giorno.

Il tecnico è affetto da polmonite: la notizia è stata data dal club bianconero con una nota stampa, dopo aver ricevuto l'autorizzazione alla diffusione della notizia dallo stesso allenatore toscano.

Sembra dunque in dubbio il debutto di Maurizio Sarri in panchina nella prima di campionato in programma sabato 24 agosto alle 18 contro il Parma. Al suo posto dovrebbe esserci Martusciello, il vice allenatore.

Lunedì 19 agosto l'annuncio ufficiale della Juventus: "Maurizio Sarri oggi al JTC, ma non in campo"

"Maurizio Sarri, dopo il riposo osservato nel fine settimana, è venuto al JTC dove ha coordinato il lavoro del suo staff. Purtroppo non ha potuto dirigere sul campo l’allenamento a causa del persistere della sindrome influenzale, che lo ha colpito durante la scorsa settimana. Nel tardo pomeriggio è stato sottoposto ad ulteriori accertamenti che hanno confermato una polmonite per la quale è stata prescritta terapia specifica. L’allenatore ha autorizzato il club a comunicare il proprio stato di salute".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

  • Dieta, metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunciare ai propri alimenti preferiti

  • Maestra licenziata per il video hard, la lettera di 200 giornaliste: "Grazie per aver denunciato: la vittima sei tu"

Torna su
TorinoToday è in caricamento