menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Taglio del nastro per la nuova comunità alloggio, sarà gestita da una cooperativa sociale  

Ospiterà in tutto 10 persone con disabilità psico-fisica

È stata inaugurata sabato 22 febbraio a Grugliasco la nuova comunità alloggio di viale Radich 4, gestita dalla Cooperativa Sociale “Il Margine”, che ospiterà 10 persone con disabilità psico-fisica e avrà 2 posti ulteriori destinati al pronto intervento o al cosiddetto “sollievo familiare”.

All’inaugurazione sono intervenuti il sindaco Roberto Montà, l’assessore alle Politiche Sociali Elisa Martino, il direttore del distretto Area Metropolitana Centro Silvio Venuti, il vicedirettore del Cisap/Cisa Cristiana Bellan e la presidente della Cooperativa Sociale “Il Margine” Nicoletta Fratta.

La struttura nasce da un percorso realizzato insieme alla Città di Grugliasco, all’Asl To3 e al Cisap/Cisa, che ha coinvolto le associazioni del territorio con l’obiettivo di assicurare percorsi di inclusione e di collaborazione tra le diverse realtà cittadine.

La nuova comunità è composta da cinque stanze da due posti e due stanze singole con bagni in camera, una cucina attrezzata per la preparazione quotidiana di cibi freschi per gli ospiti, una sala da pranzo molto luminosa e che si apre su un’ampia terrazza affacciata sul parco, due sale destinate alle attività ricreative, un bagno assistito, un’infermeria e una lavanderia. Gli ambienti sono molto luminosi e pensati per rispondere in modo adeguato alle esigenze di relazione, autonomia e recupero degli ospiti.

“Abbiamo chiesto esplicitamente alla cooperativa “Il Margine” di realizzare un luogo aperto alla città creando una sinergia tra i diversi servizi che la stessa cooperativa gestisce, quali il Social Housing e il PimParadiso per i bambini tra gli 0 e i 6 anni  – affermano il sindaco Roberto Montà e l’assessore alle Politiche Sociali Elisa Martino –. Si tratta di tre luoghi importanti diretti a persone con bisogni diversi, ma che, in un unico quartiere possono interagire tra loro oltre che aprirsi al territorio ed essere vissuti come risorsa per la comunità. Per questo stiamo anche pensando alla costruzione di ulteriori occasioni di collaborazione con le realtà cittadine, come i gruppi di cammino, visto che la comunità ha sede nei pressi del Parco Paradiso, dove i vialetti sono agevoli da percorrere anche con l’ausilio delle carrozzine. Questo è un quartiere ricco di spazi e di servizi per i cittadini, come lo stesso auditorium in cui ci troviamo oggi. Secondo noi, si tratta di risorse importanti per tutti e la nuova comunità rappresenta un tassello ulteriore di un processo che deve necessariamente passare dalla coesistenza alla condivisione”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento