Coronavirus, 21 nuovi posti letto di Rianimazione a Rivoli e Pinerolo

Posti letto per No-Covid al Koelliker

Immagine di repertorio

In piena emergenza Coronavirus, ospedali, privati e non, cercano soluzioni per venire incontro a tutte le persone malate.

E così, a Rivoli e Pinerolo, l'Asl To3 ha deciso di effettuare lavori straordinari in "tempo zero", aumentando i posti letto di rianimazione.

A Rivoli sono passati da 5 a 19 i posti letto in Rianimazione, grazie all’impegno di tecnici, operai e di tutto il personale, è stato rimesso in funzione un vecchio blocco operatorio al settimo piano della struttura. I locali sono stati isolati e separati dall’attuale blocco operatorio e sono stati collegati con il reparto di Rianimazione, che si trova all’ottavo piano.

All’ospedale di Pinerolo i posti letto di Rianimazione sono invece passati da 6 a 13. Il reparto si è allargato ed è stato attrezzato per accogliere pazienti Covid-19. In più, 6 posti dell’Utic (Unità di Terapia intensiva coronarica) di Cardiologia sono stati trasformati in posti di terapia sub-intensiva.

È stato incrementato il personale sanitario in servizio nell’Asl, in particolare con la proroga dei contratti a tempo determinato in scadenza e con nuove assunzioni. Sono 190 i dipendenti di più: 26 medici, 74 infermieri, 87 Oss e 3 farmacisti. Fra questi, due medici e un infermiere che prestano servizio in modo volontario, a titolo gratuito.

“Stiamo facendo tutto il possibile e dedicando tutte le nostre energie a fronteggiare questa emergenza, aumentando i posti letto di Rianimazione e impiegando le risorse a nostra disposizione – sottolinea il Direttore Generale dell’Asl To3 Flavio Boraso -. Voglio ringraziare ancora una volta tutto il personale sanitario, tecnico, amministrativo per lo sforzo incredibile a cui è chiamato in queste settimane e a cui non si è sottratto in alcun modo, nonostante la difficoltà della situazione”.

Il Koelliker mette a disposizione posti letto per i "No Covid"

All'ospedale Koelliker di Torino, dopo l'ok da parte della Direzione Generale dell’Asl e dell’Unità di crisi della Regione Piemonte, sono stati messi a disposizione posti letto per assistere pazienti che non sono malati di Coronavirus, decongestionando così gli ospedali pubblici che sono in prima linea nella battaglia contro il Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il contributo dell’Ospedale Koelliker in questo momento di difficoltà gioca un ruolo importante per ridurre il carico di lavoro della sanità pubblica che potrà così liberare posti letto e destinare professionalità medico-infermieristiche alle urgenze del momento", spiegano dall'ospedale di corso Galileo Ferraris, 247.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

  • Quarantena e fai da te: come tagliarsi (da sole/i) i capelli a casa

  • Il Comune lancia i buoni spesa: una piattaforma web e un call-center per l'accesso

Torna su
TorinoToday è in caricamento