Attualità

Dal Grattacielo in giù, a Torino serrande abbassate per tante attività

Marco Sacco di Piano 35: “Chiudiamo tutti per ripartire più forti quando la battaglia sarà vinta”

Apertura rimandata (apre ogni anno la seconda settimana di marzo) per il ristorante Il Piccolo Lago di Verbania e chiusura temporanea almeno fino al 3 aprile del ristorante Piano35 di Torino, che sorge in cima al Grattacielo Intesa Sanpaolo a Torino.

Marco Sacco, chef due stelle Michelin, è l'ultimo in ordine di tempo a chiudere e ad anticipare i possibili nuovi provvedimenti che potrebbero essere presi dalle regioni Lombardia e Piemonte per il contenimento del contagio da Coronavirus: Sacco opta spontaneamente per la scelta più estrema: chiudere tutto subito per poter ripartire tutti assieme quando la battaglia sarà vinta.

“Si tratta di un gesto di responsabilità verso la collettività - spiega Marco Sacco - che noi ristoratori dobbiamo seguire in nome dell’altruismo e dell’amore verso gli altri, che sono poi i dettami che guidano il nostro lavoro di ogni giorno. Sono certo che quando apriremo saremo più forti e più motivati di prima. Questo è il tempo di una nuova resistenza, di un’alleanza senza precedenti che riguarda tutti: ristoratori, negozianti, produttori del territorio, pescatori, tutto quel tessuto fatto di micro-eccellenze locali che, operando accanto alle grandi imprese del Made in Italy che si sono affermate nel mondo, ha reso l’Italia il grande paese che è”.

Ma a Torino e in altre località della provincia, sono diverse le attività che hanno abbassato le serrande o che stanno meditando di farlo. In città sono chiusi tutti gli store della Rinascente fino al 3 aprile e molti negozi. Vista l’emergenza sanitaria in corso e nel pieno rispetto del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020, anche Ziccat, storico marchio del cioccolato artigianale torinese, ha deciso di tenere chiusi i suoi tre negozi fino a data da destinarsi e di affidarsi alla vendita online. È una decisione difficile per l’azienda ad appena un mese dalla Pasqua, ma come afferma Alberto Brustia della proprietà: “La salute dei nostri dipendenti e di tutti i cittadini è la cosa più importante. Ci auguriamo che l’allarme rientri presto e di poter rivedere tutti i nostri clienti il prima possibile”.  

Coronavirus, servizi comunali e sportelli aperti al pubblico a Torino: cosa cambia

Si seguono orari speciali fino al 3 aprile allo Shopville Le Gru, salvo nuovi aggiornamenti: dal lunedì al venerdì negozi aperti dalle 9 alle 18 e Carrefour dalle 9 alle 22. Sabato e domenica: negozi chiusi; farmacia i Gelsi aperta dalle 10 alle 19.30 e Carrefour e Parafarmacia del Carrefour aperti dalle 9 alle 22.

Torino Outlet Village osserva orari ridotti di apertura al pubblico (lunedì – venerdì 10 – 18) e rimane chiuso il sabato e la domenica, in ottemperanza al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri emanato in data 8 marzo 2020.

Da mercoledì 11 e fino a venerdì 13 marzo compreso, tutti i negozi Decathlon sul territorio nazionale resteranno chiusi al pubblico per decisione aziendale. Questa misura si aggiunge a quanto definito dal DPCM che prevede la chiusura nelle giornate di sabato 14 e domenica 15 marzo.

 Flying Tiger Copenhagen, la catena danese di oggettistica di design low cost, contribuisce al contenimento dell’emergenza Covid-19 chiudendo tutti i negozi in Italia da giovedì 12 marzo. Nel rispetto delle indicazioni fornite delle autorità regionali e nazionali, nonché di tutta la Sanità italiana di restare a casa e non vendendo prodotti di prima necessità, l’Azienda decide di fermarsi per il periodo indicato.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Grattacielo in giù, a Torino serrande abbassate per tante attività

TorinoToday è in caricamento