Attualità

Coronavirus, il conduttore torinese a Verissimo: "Un medico mi disse che era solo un'influenza"

Il racconto di Piero Chiambretti ricoverato in ospedale per oltre 15 giorni a causa del coronavirus insieme alla madre, morta poco dopo

Piero Chiambretti è tornato in tv, davanti alle telecamere di Verissimo dopo la drammatica esperienza del coronavirus e della morte della madre in ospedale. Intervistato da Silvia Toffanin, il conduttore ha raccontato cosa è successo nei mesi scorsi. Ora è guarito, ma è molto provato dall’esperienza. 

Chiambretti ha raccontato di essere stato visitato inizialmente da un medico che però lo aveva “rassicurato”, attribuendo il suo malessere non al terribile virus bensì a una semplice influenza. "Mi ero sentito male una settimana prima. Ero riuscito a far venire a casa mia un medico, che già in quel periodo non andavano più in giro e trovarne uno era caccia grossa. Questo medico, titolato a Torino, mi ausculta e mi dice: ‘Non ha niente, ha un’influenza. Prenda la tachipirina e vedrà che passa’”. Chiambretti ha raccontato di aver seguito le indicazioni del medico, curandosi con i medicinali prescritti, senza che per questi facessero effetto contro "l'influenza".

Coronavirus, Chiambretti e il racconto di quello che ha vissuto

Poco dopo però la situazione è peggiorata. Quando la madre di Chiambretti si è aggravata è stata ricoverata in ospedale, dove hanno iniziato a tracciare i suoi contatti risalendo anche al figlio, che è stato ricoverato poi insieme a lei. La madre di Chiambretti non ce l'ha fatta, purtroppo, ed è morta in ospedale pochi giorni dopo. Un racconto (qui il video) duro, difficile, che Chiambretti ha affrontato con serenità e cercando di mantenere il sorriso, ma con la voce spesso rotta dalla commozione quando si parla della madre.    

L'intervista rilasciata a Silvia Toffanin: video
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il conduttore torinese a Verissimo: "Un medico mi disse che era solo un'influenza"

TorinoToday è in caricamento