rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Attualità Centro / Piazza Palazzo di Città, 1

"Segna per noi Blackstone": nuova contestazione a Urbano Cairo sotto al municipio di Torino

In occasione del 16esimo anniversario dall'acquisto della società

Nel giorno in cui festeggia il 16esimo anno di presidenza, il patron del Torino, Urbano Cairo, è stato contestato nel pomeriggio odierno, giovedì 2 settembre 2021, in piazza Palazzo di Città, sotto il municipio di Torino.

Ovvero a poca distanza da dove, il 2 settembre del 2005, si affacciò con un drappo granata in mano salutando la folla che lo accolse da vero salvatore, visto che in quella drammatica estate il Toro era fallito e il suo futuro era piuttosto incerto.

I tifosi, da tempo, chiedono al presidente di farsi da parte. Oggi pomeriggio hanno esposti diversi striscioni: "A Papa Urbano eri eletto, ora fai come Papa Benedetto", piuttosto che "Segna per noi Blackstone", rievocando la contesa giudiziaria tra Cairo e Blackstone per l'immobile milanese sede di Rcs e Corriere della Sera, con la causa ancora in atto, in Italia e in America, e dove la società americana chiede un risarcimento pari a 600 milioni di euro. 

E gli "anti Cairo" auspicano una vittoria americana, magari sperando - ma non è per nulla automatico, anzi - che questa società acquisti anche il Torino, sperando in un futuro più radioso.

Tra gli altri striscioni, oltre all'ormai tradizionale "Cairo Vattene" è apparso anche "Nel 2005 sul balcone. Ora sappiamo: sei un buffone".

Contestazione a parte, per il momento di società o imprenditori che vogliano comprare il Toro neanche l'ombra. A meno che non si considerino tali le cordate misteriose con tanto di fumose conferenze stampa piuttosto che altre persone che, a oggi, hanno solo millantato interesse. O si sono scoperti, nel tempo, avere problemi giudiziari

Torino contestazione Cairo Municipio Torino Fc 2 settembre 2021

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Segna per noi Blackstone": nuova contestazione a Urbano Cairo sotto al municipio di Torino

TorinoToday è in caricamento