menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

La “macchina tappabuche” torna in azione: è in grado di riparare fino a 150 buche in un giorno

Nella circoscrizione 2 fino al 7 agosto

È partito nella mattinata di giovedì 25 luglio, da corso Unione Sovietica, l’intervento della ‘macchina tappabuche’ che sarà impegnata nella risistemazione dei danni all’asfalto nel territorio della circoscrizione 2 (Santa Rita – Mirafiori Nord e Sud) fino al 7 agosto.

“La macchina è in grado di riparare fino a 150 buche in un giorno per un totale, a fine intervento, di circa 2mila - spiega l’assessora Maria Lapietra -. I lavori sul manto stradale interesseranno dapprima le vie di maggior traffico per estendersi poi fino alla viabilità secondaria”.

Il mezzo - che torna a Torino dopo essere stato impiegato lo scorso anno sulle strade delle circoscrizioni 5 e 6 (Video) - è provvisto di una caldaia e di serbatoi nei quali sono stoccate varie “pezzature” di inerte e bitume e dotato di un braccio telescopico (al cui interno corre un condotto) col quale, tramite un getto di aria compressa, si provvede alla pulizia della buca, liberandola dai detriti e poi aspirando anche l’eventuale pietrisco intorno.
 
A seconda che si tratti di sigillare microfratture o della colmatura di buche più profonde nel serbatoio viene miscelato il materiale necessario alla riparazione del manto stradale che, dopo la preparazione del fondo, viene spruzzato nell’apertura dell’asfalto a una temperatura tra i 50° e i 60°, riempiendola.
 
Questa procedura consente di prevenire nuovi deterioramenti causati dalle infiltrazioni che invece altre modalità di intervento non riescono a scongiurare e si conclude con il compattamento del materiale e il suo livellamento da parte degli operai che seguono le operazioni di ripristino.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento