Il conto della partita a calcetto abusiva è salatissimo: il sindaco chiede una pena alternativa

Il Sindaco scrive al Prefetto sulla vicenda dei ragazzi sanzionati perché sorpresi a giocare a calcetto nonostante il divieto

Immagine di repertorio

Il sindaco di Borgaro Torinese, Claudio Gambino, ha deciso di scrivere una lettera al Prefetto di Torino in merito alla vicenda dei ragazzi borgaresi sanzionati con 280 euro di multa (se pagata entro 30 giorni, in alternativa sarà di 400 euro) perché sorpresi a giocare a calcetto nel campo di via Italia nonostante il divieto per le norme anti-coronavirus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella lettera al Prefetto il primo cittadino ripercorre quanto accaduto domenica 7 giugno e fa alcune precisazioni: “Giunti sul posto i militari dell’Arma hanno trovato un gruppo di ragazzi che giocava a calcetto in violazione dell’ordinanza sindacale n. 37 del 3 giugno 2020 con la quale per contenere la diffusione del coronavirus sul territorio comunale disponevo la chiusura dei suddetti campi da calcetto comunali. A giustificazione della violazione, i ragazzi hanno addotto che non erano a conoscenza dell’ordinanza in quanto non affissa sulla recinzione (qualcuno potrebbe averla tolta) e soprattutto di aver trovato la struttura aperta in quanto priva del lucchetto che i cantonieri comunali avevano apposto nel mese di marzo ad inizio emergenza sanitaria (cosa possibile in quanto altri potrebbero aver rotto il catenaccio nei giorni precedenti). I Carabinieri, come è giusto che sia, hanno proceduto a identificare i tredici ragazzi e nei prossimi giorni emetteranno le sanzioni pecuniarie personali per violazione delle norme anticovid. A seguito del fatto ho incontrato i giovani responsabili di questo brutto episodio che si sono mostrati dispiaciuti e soprattutto mi hanno riferito di non essere a conoscenza del divieto di accedere all’area in quanto hanno trovato aperto e nei giorni precedenti hanno visto altre persone giocare all’interno del campetto. In considerazione dei fatti esposti mi rivolgo a Lei per chiedere se fosse possibile applicare una sanzione collettiva ai ragazzi con una pena alternativa in luogo della sanzione pecuniaria che finirebbe per ricadere sulle finanze dei genitori e non dei ragazzi effettivi responsabili della violazione. In virtù della vasta eco che l’episodio ha suscitato sui social network e su diversi giornali di carattere nazionale, credo che un suo intervento nella direzione indicata, senza minimizzare l’accaduto, possa costituire per i giovani coinvolti e per tanti loro coetanei un'importante lezione di educazione civica".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento