rotate-mobile
Attualità Avigliana

Bassa Valle Susa, si cercano case da destinare all’accoglienza degli ucraini: l’appello dei comuni

C’è bisogno di abitazioni da destinare al progetto Sistema accoglienza e integrazione di cui Avigliana è capofila

Da molti anni il Sistema accoglienza e integrazione (Sai), di cui Avigliana è capofila, si occupa in bassa Valle Susa di accogliere i migranti. Le amministrazioni comunali dei Comuni che fanno parte del Sai, che comprende Avigliana, Almese, Buttigliera Alta, Caprie e Vaie, richiedono ai propri cittadini di mettere a disposizione abitazioni che saranno affittate con fondi provenienti dal progetto e che serviranno a ospitare le persone che stanno fuggendo dalla guerra in Ucraina. Per comunicare la propria disponibilità si può scrivere a segreteria.avigliana@ruparpiemonte.it, per ricevere informazioni si può telefonare all'ufficio politiche sociali della città di Avigliana al numero 011/9769132.   

"In questo momento storico – afferma Enrico Tavan, assessore alle Politiche sociali del Comune di Avigliana – per far fronte alla tragedia umanitaria della guerra in Ucraina, chiediamo a chi ha una casa da affittare, di metterla a disposizione del Sistema accoglienza e integrazione in bassa Valle. Si tratta di un progetto serio e già collaudato negli anni passati che offre garanzie ai proprietari e aiuta chi si trova in difficoltà ed è stato costretto ad abbandonare il proprio Paese e la propria casa".

Per tutte quelle famiglie che invece sono disponibili a ospitare in casa propria i profughi dell'Ucraina la Regione Piemonte sta raccogliendo direttamente le disponibilità.

Ucraina, in Piemonte si stima che arriveranno 70.000 profughi

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bassa Valle Susa, si cercano case da destinare all’accoglienza degli ucraini: l’appello dei comuni

TorinoToday è in caricamento