Animali

Dall’Estremo Oriente al Piemonte: una ‘falena gigante’ trovata a Rivarolo Canavese

Ha un’apertura alare di 16,5 cm

La 'Samia Cynthia', foto di Diego Guidone

Una falena gigante è stata trovata a Rivarolo Canavese. Il suo nome scientifico è Samia Cynthia ed è un lepidottero appartenente alla famiglia Saturniidae, originario dell'estremo Oriente. Venne introdotto in Occidente per la produzione di un tipo di seta più resistente. Arrivò anche in Piemonte a metà dell’800, usando come pianta ospite l'Ailanthus altissima.

Quandò cessò la produzione di seta nel Nord Italia rimasero residue presenze di questa falena gigante che, sfuggita alle serre, continua a riprodursi sull'ailanto, una pianta particolarmente diffusa visto che è stata usata per il consolidamento delle scarpate ferroviarie. 

La Samia Cynthia ha un'apertura alare che può raggiungere anche i 16,5 cm ed è caratterizzato da una livrea di colore bruno-verdastra o giallo-brunastra. La specie non rappresenta alcun rischio per l'aspetto agrario vista la limitata entità dei danni prodotti dai bruchi defogliatori. Resta tutta la sorpresa quando, ogni tanto, qualche esemplare si riesce a trovare in giro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall’Estremo Oriente al Piemonte: una ‘falena gigante’ trovata a Rivarolo Canavese

TorinoToday è in caricamento