Tricolori low cost a ruba, successo per l'iniziativa del Consiglio Regionale

"Sono andate vie come caramelle", ci confermano le commesse dell'Ufficio Relazioni di via Arsenale 14. Adesso sono in 560 ad averle prenotate

Sono andate a ruba le bandierine low cost del tricolore italiano, messe in vendita dal Consiglio regionale.

È un vero e proprio assalto quello alla sede dell'Ufficio relazioni con il pubblico di via Arsenale 14  ci confermano le commesse Cristina e Rosamaria., che da tre giorni le vendono come se fossero caramelle. “Le abbiamo finite e adesso stiamo raccogliendo le prenotazioni” raccontano.

In 560 hanno già lasciato nome e cognome e dovranno aspettare qualche giorno per potersi portare a casa il vessillo nazionale. A partire da oggi chi vuole accaparrarsi la bandiera da sventolare in salotto può telefonare al numero verde 800.101011. Dall'Urp fanno sapere che non serve presentarsi in negozio, tanto di bandiere non ce ne sono più: molto meglio telefonare e lasciare la prenotazione. Ci vorrà ancora qualche giorno perché l'azienda torinese che ha ricevuto la commessa da migliaia di nuovi pezzi metta a punto la fornitura che sarà disponibile all'inizio della prossima settimana.

Pronta per essere “saccheggiata” dai torinesi patriottici.

Sempre due le versioni disponibili: quella più piccola, 50 centimetri per 70, si può acquistare al prezzo di 3 euro, mentre quella 70 per 100, da balcone, costa 5 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

  • Dieta, metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunciare ai propri alimenti preferiti

  • Torino, colta da malore, stramazza al suolo: muore in ospedale nonostante i soccorsi dei civich

Torna su
TorinoToday è in caricamento