"Lo Stato non ha mai celebrato mio figlio", la rabbia della mamma di Vito Scafidi

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

"È più facile per lo Stato essere al fianco dei parenti delle vittime di mafia o dei morti sul lavoro, ma non alle vittime dei crolli a scuola perché i colpevoli sono loro. I colpevoli sono coloro che hanno tagliato negli investimenti sulle scuole. In Italia abbiamo solo il 3% delle scuole sicure" - ha dirlo è Cinzia Caggiano, la madre di Vito Scafidi, lo studente che morì nel crollo del Liceo Darwin di Rivoli

La donna ha parlato a lungo con il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e lo ha fatto a margine della cerimonia per la commemorazione delle vittime della Thyssenkrupp: "Ho apprezzato le parole del ministro Bonafede quando ha detto che non si può accettare di morire sul posto di lavoro, per la negligenza di qualcuno. E per le scuole? gli ho chiesto". 

"Noi il 22 novembre - aggiunge riferendosi alla giornata per la Sicurezza nelle Scuole nel giorno dell'anniversario del crollo del Darwin - un rappresentante del Governo, dello Stato non l'abbiamo mai visto. Forse perché colpevoli sono loro? Il ministro - prosegue - mi ha detto che porterà il mio messaggio al ministro Istruzione, ma non basta perché i colpevoli sono tutti quelli che tagliano per la sicurezza nelle scuole. Per noi - conclude - la loro assenza il 22 novembre è una risposta, il problema è ancora grande".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Addirittura .......

  • Infatti siamo noi genitori a spese nostre e a titolo gratuito dover andare ad imbiancare le aule dei nostri figli per poter dar loro un po' di aria fresca!

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Cori, fumogeni e un lungo corteo di tifosi ha invaso Torino: il Lecce è in Serie A

  • Video

    Punta il revolver contro la commessa e svuota la cassa della farmacia: in manette un rapinatore

  • Video

    L'invasione delle tartarughe, è emergenza: possono diventare un pericolo per uomini e animali

  • Video

    Notte di follia: cacciato dal bar perché ubriaco, torna e lo devasta a bastonate

Torna su
TorinoToday è in caricamento