Zoom dice stop: addio al bioparco di Torino

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Non si farà più il bioparco nell'ex zoo di parco Michelotti, a Torino. Dopo mesi di discussioni, polemiche, proteste, i vertici di Zoom, la società che gestisce il parco di Cumiana che nel giugno del 2016 si era aggiudicata l'appalto per la gestione dell'area, hanno deciso, d'intesa con il Comune di Torino, di rescindere consensualmente la procedura. Al suo posto sorgerà un'area verde e pubblica con giochi per i bambini. Difficoltà insormontabili commentano da Cumiana, che hanno fatto decadere i presupposti imprenditoriali per la realizzazione dell'opera. Di fatto sono tre i motivi che hanno fatto naufragare il progetto, a cominciare dalla valutazione d'impatto ambientale prospettata dal Comune per la quale Zoom avrebbe dovuto farsi carico di una spesa troppo alta per considerare aspetti quali l'inquinamento atmosferico e acustico, il monitoraggio di fauna e flora. Poi ci sono state le tante proteste delle associazioni animaliste con raccolte firme e la presentazione di un ricorso al Tar, respinto una prima volta ma in attesa di appello. Infine la questione sicurezza: l'area è stata più volte presa come dimora da clochard e migranti irregolari, una presenza che avrebbe complicato non poco i lavori. Da qui la decisione di non proseguire nel progetto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (17)

  • vorrete mica che Edda perda i suoi fornitori? ricordo che i sinistri predicano da anni la liberalizzazione delle droghe per potersi finalmente fare senza più rischiare.

  • E' meglio non sprecare soldi dei nostri Santi e pazienti contribuenti, almeno quelli che pagano le tasse, compriamo dei beni di consumo alimentari e medicine da banco, da distribuire a nostri amati anziani sempre più poveri a causa dei vitalizzi arraffati dai politici e dalle pensioni d'oro rubati all'erario da una minoranza di burocrati e sindacalisti, il Signore ci aiuti a vincere questa immensa ingiustizia.

  • vedere animali in gabbia o barboni al freddo non rende onore a torino...adesso si inizi con riqualificazione dell' area con tanto verde per farci respirare aria migliore

  • Bella fregatura , potevano esserci dei posti di lavoro in più e la zona rivalutata e pulita dal degrado . Ora la faranno di nuovo da padroni spacciatori ed altri delinquenti . Complimenti agli animalisti , vergogna !

  • Meno male! Nel 2017 ancora gli animali nelle gabbie,per permettere a 4 subumani di vederli. La natura e gli animali da sempre sono quelli che pagano il prezzo più alto su questo pianeta,ogni tanto un eccezione.

  • viva gli animalisti!!quando è Pasqua?????????????????

  • Complimenti agli animalisti. Avete fatto una bella cazzata per Torino.....????????????????????????????????????????????????????????????????

  • Ma va, almeno i bambini potranno imparare un lavoro redditizio...lo spaccio

  • E a fare la guardia all'area verde per bambini difendendola da clochard, immigrati e spacciatori ci andranno poi le associazioni animaliste?

Potrebbe Interessarti

  • Video

    È morta la ballerina di Porta Palazzo, il video di quando Puff Daddy la omaggiò

  • Video

    Camminare davanti ai mezzi e bloccare il traffico, la stupida moda è arrivata in città

  • Video

    Auto sui binari del tram: la reazione, immediata, della donna a bordo del mezzo

  • Video

    Diabolik nasce da un omicidio commesso a Torino e rimasto irrisolto: le curiosità sul fumetto

Torna su
TorinoToday è in caricamento