Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zoom dice stop: addio al bioparco di Torino

 

Non si farà più il bioparco nell'ex zoo di parco Michelotti, a Torino. Dopo mesi di discussioni, polemiche, proteste, i vertici di Zoom, la società che gestisce il parco di Cumiana che nel giugno del 2016 si era aggiudicata l'appalto per la gestione dell'area, hanno deciso, d'intesa con il Comune di Torino, di rescindere consensualmente la procedura. Al suo posto sorgerà un'area verde e pubblica con giochi per i bambini. Difficoltà insormontabili commentano da Cumiana, che hanno fatto decadere i presupposti imprenditoriali per la realizzazione dell'opera. Di fatto sono tre i motivi che hanno fatto naufragare il progetto, a cominciare dalla valutazione d'impatto ambientale prospettata dal Comune per la quale Zoom avrebbe dovuto farsi carico di una spesa troppo alta per considerare aspetti quali l'inquinamento atmosferico e acustico, il monitoraggio di fauna e flora. Poi ci sono state le tante proteste delle associazioni animaliste con raccolte firme e la presentazione di un ricorso al Tar, respinto una prima volta ma in attesa di appello. Infine la questione sicurezza: l'area è stata più volte presa come dimora da clochard e migranti irregolari, una presenza che avrebbe complicato non poco i lavori. Da qui la decisione di non proseguire nel progetto.

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento