Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bar e ristoranti in ginocchio, lo smart working aggrava la crisi: 70% dei clienti in meno

Molte serrande sono rimaste abbassate

 

Se domandi come sta andando ti sorridono con rassegnazione e ti raccontano tutti la stessa storia. Loro le serrande le sollevano ogni giorno, ma i clienti continuano a essere ancora troppo pochi per garantire l'incasso necessario per pagare le spese e gli stipendi dei propri dipendenti. E la preoccupazione di non riuscire ad andare avanti adesso si fa pressante.

Sono i gestori di bar e ristoranti del centro di Torino. Attività che fino a qualche mese fa lavoravano grazie al passaggio dei turisti e agli impiegati degli uffici, ma che adesso hanno visto una flessione della loro clientela di circa il 70%. Un dato impressionante che se non vedrà una controtendenza a partire dai prossimi giorni potrebbe mettere in crisi un intero settore commerciale. 

"Non ci sono più persone che lavorano dentro gli uffici. Abbiamo dimezzato le colazioni e a pranzo non abbiamo nessuno perché da Regione e Comune non abbiamo più clienti", racconta un barista che ha l'attività in via Pietro Micca. "Le scuole non ci sono, gli uffici non ci sono e il turismo non c'è", racconta un altro titolare, "I costi però sono invariati. Noi siamo preoccupati, ma il problema è che chi ha responsabilità amministrative non si rende minimamente conto. Non capiscono che ad agosto quando si potrà licenziare ci saranno un milione e mezzo di disoccupati". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento