Sequestrate 700.000 confezioni di colle pericolose, all'interno sostanze cancerogene, tossiche e irritanti

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Sequestrate ben 700.000 confezioni di colla composte da sostante vietate e pericolose. Dalle analisi tecnico scientifiche su alcuni campioni di prodotti è stata accertata nelle colle la presenza di dicloroetano, di una sostanza cancerogena, tossica e irritante, nonché cloroformio. 

A scoprire il pericolo sono stati gli uomini della Guardia di Finanza di Torino a conclusione di una lunga indagine che ha portato al sequestro dei prodotti importati dalla Repubblica Cinese e che avevano un valore complessivo di mercato di oltre 2 milioni di euro. 

L'indagine dei Baschi Verdi e coordinata dalla Procura della Repubblica di Torino è iniziata con l'analisi di alcuni campioni di prodotti acquisiti in alcuni negozi ed empori di Torino. I Finanzieri sono poi riusciti a intercettare i depositi - uno in Puglia e uno in Campania - dentro i quali erano stoccate le confezioni di stick pronte per essere commercializzate su tutto il territorio nazionale. 

A gestire l'intera filiera distributiva dei prodotti nocivi erano alcuni imprenditori italiani e di origine cinese. In totale sono dieci gli imprenditori coinvolti e denunciati frode in commercio, false indicazioni qualitative dei prodotti, immissione in commercio di prodotti pericolosi e commercializzazione di articoli contenenti sostanze vietate.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Un sentito ringraziamento alle Fiamme Gialle.

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Impressionate incendio, fiamme negli ultimi quattro piani del palazzo

  • Video

    Arrivano i tornelli sui bus GTT: come funzionano e su quali linee saranno attivi

  • Cronaca

    Ladro acrobata munito di corda e scala: filmato mentre ruba una bici su un balcone

  • Video

    Guerriglia urbana e scontri, caos e disagi in città per oltre 3 ore: il video

Torna su
TorinoToday è in caricamento