La TAV si farà, parola della Lega: "Bloccare l'opera non è nel contratto di Governo"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

La TAV si farà. A ribadirlo è Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera per la Lega e segretario regionale del partito in Piemonte. Per ribadirlo ha scelto la manifestazione che questa mattina - sabato 12 gennaio - si è tenuta in piazza Castello a Torino e che è stata organizzata dalle sette madamine del comitato "Sì, Torino va avanti". 

"La Lega è pronta a discutere su come rendere il progetto più efficiente, su come farlo costare di meno e su come variarlo. Un conto però è ragionare sulle modalità di esecuzione, un conto è ritenere di non farlo. Sul non farlo noi non siamo d'accordo" - ha ribadito Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera per la Lega.

"Noi siamo sempre stati dell'idea che si debba fare. Ribadiamo una cosa che era nel nostro programma elettorale. Abbiamo firmato un contratto di Governo che dice che in base al risultato dell'analisi costi-benefici si valuteranno le modalità di esecuzione. Si può dunque prendere tempo, ma un conto è ragionare su come cambiare il tragitto e tagliare gli sprechi e un conto è dire che non si deve fare. Su questo non siamo d'accordo" - ha continuato Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera per la Lega.

"Io sono convinto che troveremo una sintesi, ma se non dovessimo trovarla daremo parola ai cittadini. È inutile parlare di un referendum fino a quando non conosciamo la decisione del ministro Toninelli" - ha concluso Riccardo Molinari, capogruppo alla Camera per la Lega.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Sport

    Video gol e sintesi partita Juventus-Atletico Madrid 3-0: tripletta di Cristiano Ronaldo

  • Video

    L'atterraggio dell'Antonov a Caselle: è l'aereo più grande del mondo

  • Video

    Aggredite sul bus perché islamiche, i passeggeri le difendono: "L'Italia vera siamo noi"

  • Cronaca

    Bruciano di nuovo i boschi: le fiamme alimentate dal vento minacciano i centri abitati

Torna su
TorinoToday è in caricamento