Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Quarant'anni sempre nella stessa via, il record del pizzaiolo che ama il suo territorio

Ora è andato in pensione

 

In un periodo storico in cui sempre più attività commerciali sono costrette ad abbassare definitivamente le serrande, chi invece da 40anni ogni giorno la tira su e lavora è una notizia. È il caso del signor Giuliano Sichi, ristoratore che pochi giorni fa ha festeggiato le "prime" quaranta primavere della sua pizzeria di via Cigna. 

"Ho visto vita, morte e miracoli di questa via. Ho visto nascere e morire negozi". Sì, perché il signor Giuliano è dall'8 gennaio del 1980 che gestisce un'attività commerciale al civico 48 di via Cigna. "Alle 9 dell'8 gennaio del 1980 ho tirato su per la prima volta le serrande di questa pizzeria e non avrei immaginato che sarebbe durata così a lungo". 

"Ricordo quando era aperta la sala ballo Il Fortino danze e tutte le coppiette che tra la prima e la seconda parte del ballo venivano qui a mangiarsi la pizza o il fritto di pesce. Poi tornavano a ballare e io li aspettavo dopo la mezzanotte. Cose che non succedono più. C'era anche il cinema teatro Fortino, purtroppo anche lui è andato a morire", ricorda il signor Giuliano. 

"Via Cigna in questi 40 anni è cambiata molto. Sono cambiate le attività commerciali, le persone che la vivono e anche la viabilità. Una volta era una strada ad aslto scorrimento, adesso è una strada normalissima è inquinata", dice il signor Giuliano che c'era anche quando sono stati posati i binari del tram. 

Giuliano, che ha gestito l'attività insieme alla moglie Leontina, a inizio anno è andato in pensione, ma la pizzeria continua a vivere perché dietro il bancone sono arrivate le sue figlie Stefania ed Erika, ma lui ai suoi clienti ha promesso che, anche se non sarà più in cucina, in sala ad aspettarli ci sarà sempre: "I più affezionati mi hanno detto: Giuliano non te ne vai vero. Gli ho risposto che non si devono preoccupare, rimarrò sempre nella mia pizzeria". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento