Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coppia lesbica perseguitata da mesi: anche svastiche e insulti sul pianerottolo di casa

 

Cristina e Daniela hanno paura. Cercano di sembrare forti perché non hanno alcuna intenzione di darla vinta alla persona che da quattro mesi riempie di scritte omofobe i muri del pianerottolo di casa loro, ma non si sentono sicure. Le due donne vivono insieme in un appartamento in zona Lingotto. 

La prima scritta è apparsa la domenica di Pasqua, da quel giorno ne sono comparse a decine che periodicamente venivano coperte con nuova vernice bianca. Il loro persecutore però non si è limitato a imbrattare i muri, a un certo punto ha cominciato a incidere con un coltellino svastiche e insulti sui muri della loro scala. 

Cristina e Daniela si sono rivolte ai carabinieri, ma in Italia c'è un buco legislativo e non esiste il reato di omofobia: "Sono apparse svastiche e simboli delle SS e per questo si potrebbe intervenire per apologia del fascismo, ma non per omofobia anche se è palese" - commenta Riccardo Zucaro, presidente di Arcigay Torino. 

"È qualcuno che monitora le nostre uscite e sa i nostri movimenti. La paura è di trovarmelo davanti aprendo la porta. Se questo impazzisse e mi piantasse una coltellata? I carabinieri non possono intervenire in quanto non ci sono minacce fisiche. Io ho paura, ma non voglio dargliela vinta. Non ho intenzione di cambiare casa perché non voglio darla vinta a queste persona" - ha concluso Cristina. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento